Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Boston fa sul serio: contro Golden State rimonta da -17 e 14^ vittoria in fila

NBA

Neanche i campioni in carica riescono a fermare i lanciatissimi Celtics, arrivati a 14 vittorie in fila. Kyrie Irving si sveglia nel finale segnando 11 dei suoi 16 punti nell'ultimo quarto, ma il migliore è Jaylen Brown con 22 punti in una serata terribile dopo la morte del suo miglior amico. Agli Warriors non bastano i 24 di Kevin Durant

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Se e quando i Boston Celtics arriveranno a giocarsi il Larry O’Brien Trophy, ricordatevi di questa partita — perché è quella che definitivamente li mette nella conversazione per il trofeo a fine anno. Vincere 13 partite consecutive non è una cosa da tutti, ma vincere anche la 14^ rimontando 17 punti di svantaggio contro i campioni in carica dei Golden State Warriors vale qualcosa in più — la certificazione di appartenere alla categoria delle contender indipendentemente dal record a fine anno. Per riuscirci i Celtics si sono dovuti affidare ancora una volta alla loro difesa, la migliore della NBA, tenendo gli Warriors sotto i 90 punti segnati per la prima volta da quando Curry, Durant, Thompson e Green giocano insieme. Al Horford e soci sono riusciti nell’impresa di tenere a bada un attacco che prima di questa partita viaggiava a 116 punti su 100 possessi (un passo che sarebbe da record nella storia della NBA) a solo 89.5 di rating offensivo, bloccando l’esecuzione a metà campo degli Warriors e limitandoli al 46% di percentuale effettiva dal campo. Certo, non sempre ricapiterà che gli Splash Brothers Curry e Thompson combinino per soli 21 punti e 8/32 dal campo (5/20 da tre), alcuni dei quali solitamente segnano anche nel sonno, ma con una difesa del genere ti dai sempre una chance per vincere — anche quando Kyrie Irving litiga con il canestro per tre quarti, senza riuscire a segnare nulla. La stella dei Celtics era infatti arrivata all’ultimo quarto con soli 5 punti a referto e un brutto 2/10 dal campo, prima di svegliarsi e ritrovare il ritmo in attacco segnando 11 dei suoi 16 punti finali nel periodo conclusivo, di cui 7 senza errori dalla lunetta. Un’esplosione offensiva quanto più necessaria per i padroni di casa, che fino a quel momento erano stati tenuti in piedi dalla solita prova a tutto tondo di Horford (18 punti con 7/11 al tiro, 11 rimbalzi e +16 di plus-minus pur con 5 palle perse) e soprattutto di Jaylen Brown, il miglior di un quintetto tutto in doppia cifra con 22 punti (tutti nei primi tre quarti), 7 rimbalzi, 2 recuperi e 2 stoppate pur dovendo fare i conti con il lutto della morte del suo miglior amico, deceduto solo la sera prima.

La serata difficile di Golden State

Il momento decisivo della gara è arrivato in chiusura di terzo quarto, quando i Celtics — che già avevano chiuso bene il primo tempo con un parziale di 15-3 — hanno confezionato un altro parziale di 19-0 approfittando di 5 palle perse degli Warriors per mettere la testa avanti in vista dell’ultima frazione, nella quale gli ospiti hanno affrettato fin troppi tiri con molti secondi sul cronometro. A Golden State non è bastato un Kevin Durant da 24 punti con 9/18 al tiro e un Draymond Green da 11 punti, 8 rimbalzi e 5 assist, che dopo la partita non si è fatto mancare una piccola polemica arbitrale. Sul possesso decisivo della gara sull’88-88, infatti, Green è rimasto isolato contro Irving e gli è stato fischiato un fallo piuttosto dubbio: “Kyrie è andato parecchie volte in lunetta. E basta. Non ha segnato tanti tiri [4/16 a fine gara, ndr]. È semplicemente andato ai liberi. Che poi fossero falli o no è un’altra discussione”. Una discussione di cui Steve Kerr sembra conoscere la risposta: “Ho appena rivisto le immagini e non c’era alcun fallo. Brutta chiamata per noi”. Si interrompe così la striscia di 7 vittorie consecutive e mentre non si ferma quella dei Celtics, la più lunga per la franchigia dal 2010-11 quando ancora furoreggiavano Pierce, Garnett e Allen. Loro tre furono gli ultimi a portare un titolo a Boston: chissà che nel decennale dell’ultimo anello non sia l’anno buono anche per questi Celtics.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche