Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, nel segno dell'undici: 11^ vittoria per i Cavs con super LeBron, 11^ sconfitta per Memphis

NBA

LeBron James segna gli ultimi 13 punti della gara e chiude con 34 e 12 assist, regalando a Cleveland l'undicesima vittoria consecutiva. Si allunga invece a 11 la striscia di sconfitte in fila di Memphis, a cui non bastano i 31 con 12 assist di Tyreke Evans e i 27 di Marc Gasol

IL TABELLINO COMPLETO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Cleveland Cavaliers-Memphis Grizzlies 116-111

Il numero chiave della sfida tra Cleveland e Memphis è undici: tante sono le vittorie consecutive accumulate dai Cavaliers e altrettante sconfitte hanno raccolto invece i Grizzlies, le due strisce aperte più lunghe attualmente in NBA. Con due squadre che stanno andando in direzioni così opposte ci si sarebbe potuti aspettare una passeggiata per i padroni di casa, che effettivamente sul finire del terzo quarto erano avanti di 19 dopo aver preso il controllo della partita a metà secondo quarto grazie al solito contributo della panchina, abile a recuperare la solita partenza lenta dei titolari. Gli ospiti, però, non si sono dati per vinti e sono arrivati addirittura a pareggiare sul 109-109 a due minuti dalla fine grazie a una tripla del rookie Dillon Brooks, sfruttando soprattutto la grande serata di Tyreke Evans (31 punti e 12 assist) e di Marc Gasol (27 pur giocando con un problema al piede sinistro, ma superando quota 10.000 punti in carriera). Da lì in poi, però, è salito in cattedra LeBron James: 7 punti in fila negli ultimi 1:22 di gara, gli ultimi 13 a segno in proprio, gli ultimi 17 della squadra segnati o assistiti e un tabellino finale che recita 34 punti e 12 assist con 13/22 dal campo e un perfetto 8/8 ai liberi, pur con 3 errori dall’arco e 5 palle perse. Verrebbe da dire “la solita prestazione di LeBron James”, ma non bisognerebbe dare per scontato un giocatore in grado di fare queste cose: “Quando arriva il momento di vincerla nell’ultimo quarto, sono i miei stessi compagni a chiedermi di salire di livello — ed è quello che mi riesce meglio” ha detto il miglior giocatore del mese di ottobre-novembre per la Eastern Conference dopo la partita. “L’impegno che ci abbiamo messo stasera ci avrebbe permesso di battere il 90% delle squadre di questa lega sul loro campo” ha detto invece il coach ad interim dei Grizzlies J.B. Bickerstaff. “Sfortunatamente, loro hanno un giocatore che è piuttosto forte”.

La partita dei Cavs e i finali di gara di LeBron James

Il risultato finale non deve comunque far perdere di vista il fatto che i campioni della Eastern Conference in carica avevano rischiato di gettare al vento la striscia, complice l’eccellente serata da tre di Memphis (13/23) e una difesa che, dopo i miglioramenti delle ultime settimane, ha concesso 114.2 punti su 100 possessi al 24° attacco della lega. Se non altro Cleveland ha sopperito con un’ottima serata al tiro perimetrale chiudendo con 11/24, grazie alle quattro triple realizzate da J.R. Smith (autore di 17 punti) e le tre di un Kevin Love da 20+11. Dwyane Wade invece non ne ha tentata neanche una, ma con 16 punti e 4 assist ha chiuso con il secondo miglior plus-minus di squadra a quota +10, inferiore solamente al +16 di un Kyle Korver sempre più determinante per il successo dei Cavs. Mai determinante quanto James però, elogiato da Wade nel post-gara: “È impressionante: ho giocato con tanti giocatori decisivi, io stesso lo sono stato in passato, ma quello che riesce a fare lui è impressionante. Magari non ci riesce davvero tutte le volte, ma la sensazione è che ci riesca sempre e questo rende tutto più facile. È come una buona squadra di football che ha un grande kicker: non bisogna fare altro che avvicinarsi abbastanza ai pali e poi lasciarlo fare”. Questa infatti è la quinta volta in carriera che James ha realizzato gli ultimi 13 punti in un finale combattuto: l’unico ad esserci riuscito più volte dal 2003/04 (dati Elias Sports Bureau) è Kobe Bryant con sette. “È esperienza: ho preso parte a tante grandi partite, che siano state in regular season, ai playoff o alle Finals” ha detto James. “In quei momenti cerco solo di essere il più freddo possibile per portare i miei compagni alla vittoria. Stasera ho avuto una di quelle opportunità, ed è un onore per me avere altre 14 persone che mi guardano e mi dicono ‘OK, è il tuo momento’”. Facile a dirsi, meno a farsi — a meno che non ti chiami LeBron James.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport