Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, storie tese tra Durant e Cousins: doppia espulsione!

NBA

Le stelle di Golden State e New Orleans hanno dato vita a un diverbio molto acceso, meritandosi l'espulsione per doppio tecnico a poco più di un minuto dalla fine. "Non è successo niente, siamo solo due persone che non si tirano indietro" ha dichiarato Durant dopo la gara, commentando la terza espulsione stagionale

L’immagine copertina della partita tra Golden State e New Orleans doveva essere la rimonta da 20 punti di svantaggio all’intervallo dei primi ai danni dei secondi, ma inevitabilmente il duro faccia a faccia tra Kevin Durant e DeMarcus Cousins ha finito per fare notizia. I due nel corso della gara si erano già presi di mira meritandosi un tecnico a testa, ma sono esplosi a poco più di un minuto dalla fine, quando sono venuti al contatto a palla ferma e poi hanno continuato a prendersi a male parole, venendo separati dai compagni per evitare guai peggiori. Oltre a finire sotto la doccia prima del dovuto, anche i tabellini finali di entrambi sono stati stranamente simili: 19 punti, 7 rimbalzi e 5 assist ma con 8/21 al tiro e 7 palle perse per Durant (con -8 di plus-minus); 19 punti, 11 rimbalzi, 7 assist e 5 recuperi ma anche 7 palle perse, 7/15 dal campo e un clamoroso -32 di plus-minus per Cousins, finito travolto anche lui dalla mareggiata con cui gli Warriors hanno ribaltato la partita. Anche il conto dei soldi da dare alla NBA continua a salire: per Durant si tratta della seconda espulsione consecutiva e la terza in questa stagione dopo quella a Memphis (insieme a Curry) e quella di Orlando (seguita da Shaun Livingston nell’ultima con Miami per essere andato testa-contro-testa con l’arbitro), un dato molto strano se si considera che nel resto della carriera ne aveva raccolta solamente una in 810 partite. Per Cousins è decisamente più normale sapere che è salito a quota 7 falli tecnici in stagione, avanzando ad ampie falcate verso la sospensione automatica che scatta al raggiungimento del sedicesimo. Nel post-gara KD ha però gettato acqua sul fuoco su quanto successo: “Nessuno farà a pugni su un campo NBA. Stavamo solo parlando, solo che è diventato un confronto acceso. Ma ci siamo detti quello che dovevamo dirci e siamo andati avanti. Se si trasforma in qualcosa di più serio, abbiamo i nostri compagni e molte altre persone che possono mettersi tra di noi e impedirci di fare qualcosa di stupido perché siamo uomini adulti e non vogliamo che le cose peggiorino. È andata come è andata, siamo entrambe persone orgogliose che non si tirano indietro”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche