Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, il miglior tiratore della lega? È Jayson Tatum, il rookie dei Boston Celtics

NBA

Il 19enne dei Celtics sta vivendo una stagione d'esordio da sogno dietro l'arco: il suo 51.3% da tre è la miglior percentuale della lega e la migliore di sempre per un rookie. Ecco come ci sta riuscendo

Quando Jayson Tatum è uscito dal college in tanti si aspettavano che potesse diventare un ottimo realizzatore a livello NBA. Quella di saper mettere il pallone nel canestro era la dote migliore mostrata a Duke University sotto gli ordini di coach Mike Krzyzewski, ma sul suo tiro in sospensione c’era qualche dubbio – specialmente in quelli presi dietro l’arco e sugli scarichi dei compagni, dove sembrava prendersi delle pause non necessarie per giocare uno dei suoi amati isolamenti. A livello NBA, però, tutto questo semplicemente non si è visto, anzi: il rookie dei Boston Celtics ha eliminato ogni segno di esitazione e sta disputando una stagione eccellente rendendosi indispensabile proprio da tre punti, da cui sta tirando con un incredibile 51.3%. Quanto incredibile? Beh, iniziamo col dire che nessun rookie nella storia ha mai tenuto una percentuale superiore al 47% con un quantitativo di tiri e minuti comparabile a quello di Tatum: gli unici ad andarci vicini sono stati Anthony Morrow (46.7% nel 2008-09 per Golden State) e Josh Richardson (46.1% nel 2015-16 per Miami), mentre anche Steph Curry si è fermato “solo” al 43.7%. Ampliando la ricerca, però, si scopre che Tatum se la gioca anche con tutti i non-rookie: solo sei giocatori nella storia hanno chiuso una stagione con più del 50% da tre con almeno tre tentativi a partita, e tra questi si trovano giocatori del calibro di Steve Kerr (due volte, nel 1994-95 e nel 1995-96), Detlef Schrempf (nel 1994-95), Tim Legler (nel 1995-96), Jason Kapono (nel 2006-07) e Kyle Korver (nel 2009-10). Solo che tutti questi giocatori avevano almeno 25 anni, mentre il giocatore biancoverde ne deve ancora compiere 20 ed è solo all’inizio di una carriera NBA che si preannuncia entusiasmante, visto l’atteggiamento e il rendimento da veterano consumato per la squadra col miglior record della lega.

Da dove arrivano i tiri di Tatum

Tatum sta avendo un successo clamoroso proprio grazie a quei tiri che al college rifiutava o non sapeva convertire in maniera super efficiente (solo il 34% nella sua unica stagione a Duke). Sugli scarichi è semplicemente una sentenza: i suoi 1.17 punti per possessi nelle situazioni di catch-and-shoot lo pongono nel 76° percentile della lega, un dato eccellente per un rookie che viene chiamato in causa abbastanza raramente, visto il suo 17.7% di Usage Rate. Tatum però punisce tutte le disattenzioni delle difese avversarie: delle sue 3 triple a partita ben 2.7 vengono prese con il difensore lontano almeno un metro e mezzo, quelle che il sito della NBA definisce come triple “smarcate”. Essendo la stragrande maggioranza delle sue conclusioni da tre, è normale che la percentuale su quei tiri sia del 55%, ma anche quando viene contestato riesce a mantenere un ottimo 43% - anche perché il profilo fisico è tutt’altro che banale dall’alto dei suoi 205 centimetri d’altezza. Ciò che permette a Tatum di essere efficiente è anche la capacità di mettere palla per terra e attaccare il ferro, tirando con il 59.6% nella restricted area e mettendo ulteriore pressione alle difese. Considerando che per ora si tratta solo della quarta opzione offensiva dei Celtics, decisamente un bell’andare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport