Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, un anno fa, la morte di Craig Sager: “Non lo dimenticheremo mai”

NBA

Ironico, competente e soprattutto un combattente unico; Craig Sager è rimasto nella memoria di tutta la famiglia NBA e gli Houston Rockets gli hanno dedicato un video tributo. A bordocampo c'era anche Gregg Popovich: "Ogni volta è importante mettere in mostra tutto l’amore e l’affetto che proviamo nei suoi confronti

Un anno dopo è come se non se ne fosse mai andato. Nonostante la sua presenza ingombrante manchi a bordocampo, così come i suoi colori e la sua capacità di scherzare, nessun appassionato NBA ha dimenticato Craig Sager in questo anno. E non l’hanno fatto neanche gli Houston Rockets che durante un timeout nel primo quarto hanno proiettato sugli schermi del Toyota Center un video celebrativo per ricordare il bordocampista più rappresentativo e noto della storia NBA. Un uomo in grado di vivere con una forza senza eguali il dramma della malattia, portando avanti una lotta sotto i riflettori che ha sensibilizzato molti, toccato tanti e commosso tutti. Alla fine, dopo mesi trascorsi stringendo i denti, lo scorso 15 dicembre Sager si è spento ricevendo l’unanime tributo dell’intera famiglia NBA. Il presidente dei Rockets Tilman Fertitta ha donato 25.000 dollari all’associazione benefica che porta il nome del giornalista; gli stessi versati dalla famiglia D’Antoni, molto sensibile all’argomento dopo che il padre dell’allenatore di Houston è venuto a mancare lo scorso ottobre proprio a causa della leucemia. “È una battaglia fatta per combattere qualcosa che spaventa tutti; ogni cosa che è possibile fare, bisogna metterla in pratica. Craig era un amico e nessuno ha dimenticato il senso della sua lotta”. Anche coach Popovich non si è sottratto, protagonista insieme a Sager di decine di siparietti durante le interviste a bordocampo: “Non era soltanto una figura iconica per il mondo della TV e della NBA in generale. La sua personalità, il suo modo di vestire e la sua competenza: tutto questo era una parte microscopica di ciò che è stato. Abbiamo imparato a conoscerlo negli ultimi mesi della sua vita nella sua parte più intima ed è rimasto nel ricordo e nella memoria di molti. Quando hai un amico del genere, la morte non ti porta certo a dimenticarlo. Per questo ogni volta è importante mettere in mostra tutto l’amore e l’affetto che proviamo nei suoi confronti”. Tutta la famiglia di Sager era presente a bordocampo e sua figlia Riley è stata la protagonista del “First Shot”: una persona del pubblico viene invitata in campo durante un timeout per tentare un tiro libero che, se realizzato, porta a una donazione benefica. Ha fatto centro al primo colpo, ha preso da papà.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.