Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, super James mette le cose a posto: Cleveland torna al successo

NBA

I Cavaliers tornano al successo battendo a domicilio i Magic grazie ai 33 punti, 10 rimbalzi, 9 assist e 6 palle recuperate di LeBron James. Prima da titolare per Isaiah Thomas e rimonta sfiorata nel finale da Orlando che incassa la 13^ sconfitta nelle ultime 14 gare

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Orlando Magic-Cleveland Cavaliers 127-131

IL TABELLINO

Serviva una super prestazione di LeBron James per spazzare via i dubbi, le ansie e soprattutto le critiche mosse verso una squadra palesemente in affanno negli ultimi 20 giorni. E il numero 23, come sempre succede da 15 anni a questa parte, ha risposto presente: 33 punti, 10 rimbalzi, 9 assist e 6 palle recuperate nel successo in volata contro i Magic (la 38^ gara in carriera in cui James si ferma a un rimbalzo o a un assist dalla tripla doppia, 5° all-time in questa speciale classifica). “Gioco sempre al massimo su entrambi i lati del campo; il mio obiettivo non è solo quello di segnare o servire un assist. So bene quanto sia importante rubare un pallone in difesa, ad esempio”. Ad alzare la mano e dare il cinque ai compagni durante la presentazione del quintetto iniziale c’era anche Isaiah Thomas, alla prima gara da titolare in stagione con i Cavaliers e vistosamente in affanno nel primo quarto, chiuso con un punto, 0/4 al tiro e un fallo tecnico fischiato contro. Alla sirena finale il bottino però è di 19 punti e 4 assist in 21 minuti, con 7/13 dal campo e due triple: “Il mio fisico risponde molto meglio allo sforzo, sono riuscito a giocare con più facilità, ma sento ancora addosso un bel po’ di ruggine. Ho sbagliato lay-up e tiri liberi che di solito vanno dentro con facilità”. José Calderon è così finito nuovamente in soffitta (in panchina a guardare i compagni senza togliere la tuta per 48 minuti; come fatto da Channing Frye, altro epurato all’interno di un roster davvero lunghissimo), mentre dalla panchina il più produttivo è stato ancora una volta Dwyane Wade, autore di 16 punti con tanto di correzione decisiva a canestro a 17.8 secondi dalla sirena (su tiro sbagliato da Thomas, che si è preso la prima vera conclusione pesante in casa Cavs) che ha rimesso due possessi di distanza tra le squadre. Cleveland infatti, dopo il parziale da 40-23 nel terzo quarto che sembrava aver spento ogni velleitario tentativo di successo dei Magic, era riuscita a far rientrare in partita i padroni di casa, guidati da un Aaron Gordon da 30 punti (11 nel solo parziale dell’ultima frazione) e dai 20 con 5 assist di Elfrid Payton. 

Gordon da 5, killer Love, Korver da record

La lista delle assenze (e delle attenuanti) in casa Magic era lunga: senza Jonathon Simmons, Nikola Vucevic, Terrence Ross, Jonathan Isaac e soprattutto in generale senza un giocatore in grado di cambiare le sorti di una partita (quello manca da inizio stagione, in realtà), sembrava impossibile risalire la china contro i vice-campioni NBA. Ancora più complesso da giustificare dunque per coach Lue il crollo che da +23 ha rischiato di compromettere un successo ormai in cassaforte: “Sono riusciti a tirare fuori dalla spazzatura della partita le loro chance, schierando Aaron Gordon da 5 e mettendoci in enorme difficoltà. Un giocatore del genere è complesso da marcare in quella posizione e le nostre riserve hanno sofferto un po’ quell’accoppiamento che non avevamo previsto”. Il miglior “centro” della sfida però è Kevin Love, killer silenzioso con i suoi 27 punti, 6/12 dall’arco e cinque rimbalzi; essenziale invece il contributo di Kyle Korver in uscita dalla panchina: 20 minuti e tre punti, ovviamente arrivati con i piedi oltre l’arco. Il minimo indispensabile per mettere la freccia e superare Paul Pierce nella classifica dei giocatori NBA con più triple messe a segno in carriera: 2.143 bersagli che valgono il quarto posto assoluto (in attesa di Steph Curry e Klay Thompson). James invece ha raccolto la nona vittoria consecutiva in casa dei Magic, la 22^ in altrettante partite in questa regular season portata a casa dai Cavaliers dopo essere stati avanti nel punteggio o in parità a inizio quarto periodo. Senza margine contro Cleveland nell'ultimo quarto si perde sempre insomma. Un messaggio ai naviganti: rimboccatevi le maniche nei 36 minuti precedenti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche