Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, anche Steve Kerr si schiera contro ESPN e LaVar: "È la Kardashian della NBA"

NBA

L'allenatore di Golden State ha commentato quanto sta succedendo al suo amico e collega Luke Walton, attaccato dal padre di Lonzo Ball: "Sapete quanti genitori dei miei giocatori probabilmente a casa dicono ‘Dovrebbe far giocare di più mio figlio’? Eppure a lui mettiamo un microfono davanti alla faccia perché, a quanto pare, fa ascolti"

Fino a quando LaVar Ball “stava nel suo” e non aveva un reale impatto sulla vita di tutti i giorni della NBA, i protagonisti della lega hanno cercato di guardare da un’altra parte e non prestarci troppa attenzione. Nel momento in cui il padre di Lonzo ha però preso di mira un personaggio amatissimo come Luke Walton, il resto della “grande famiglia NBA” è accorsa in supporto del giovane allenatore dei Los Angeles Lakers, accusato di aver “perso lo spogliatoio”. Dopo le dure parole di Rick Carlisle, anche Steve Kerr ha parlato a lungo di quanto successo – e come spesso accade i suoi ragionamenti non si limitano solamente alle sparate di LaVar, ma coinvolgono tutto quello che le rende rilevanti, a partire dal network che ha deciso di dare peso alle sue parole. “Questo è il mondo in cui ora viviamo” ha detto l’allenatore dei Golden State Warriors, che ha avuto Walton nel suo staff per due anni. “Stavo ripensando a ESPN e al fatto che abbia lasciato a casa più di 100 persone, tra cui giornalisti di grande talento che seguivano la NBA. Sia chiaro che questo non è un giudizio su ESPN, ma più che altro una questione sociale. Ci stiamo allontanando sempre di più dalla copertura del gioco e delle partite e ci avviciniamo sempre di più alle notizie sensazionalistiche, anche quando non sono davvero delle notizie. Ma se imbellisci ciò che non ha alcun senso con un po’ di trucco e un bel farfallino, la gente finirà per guardarlo”. Un ragionamento che coinvolge il mondo del giornalismo in genere e il modo in cui si decide di raccontare la NBA, rivelando un aneddoto interessante: “Quest’anno ho parlato con diverse persone dei media chiedendo loro ‘Perché dovete seguirlo in tutto quello che dice?’. Mi hanno risposto: ‘Noi non vorremmo, ma i nostri capi ci dicono che dobbiamo farlo per gli ascolti e i click’. Immagino che da qualche parte in Lituania ora LaVar Ball se la stia ridendo. Le persone pendono dalle sue labbra senza alcun motivo apparente, oltre al fatto che è diventato la Kardashian della NBA o una cosa del genere”. 

Steve Kerr: "ESPN ha lasciato a casa Strauss e Stein: la questione è sociale"

Come detto però il ragionamento è più ampio del semplice attacco di papà Ball al suo amico e collega: “Quella cosa vende, e lo stesso si può dire nella politica, nell’intrattenimento e ora nello sport. Non è importante se c’è alcuna sostanza in quello che si dice. Il ragionamento sembra essere: ‘Possiamo renderlo interessante senza alcun motivo apparente?’. Ma non c’è niente di interessante in quella storia. Sapete quanti genitori dei miei giocatori probabilmente a casa dicono ‘Dovrebbe far giocare di più mio figlio’? Eppure a lui mettiamo un microfono davanti alla faccia perché, a quanto pare, fa ascolti. Non so a chi interessi, eppure alla gente importa – o altrimenti ESPN non avrebbe speso quello che sta spendendo per mandare dei giornalisti in Lituania, quando hanno lasciato a casa persone che scrivevano pezzi di reale sostanza e valore. Gente come Ethan Strauss [beat writer di Golden State nella scorsa stagione, ndr] o Marc Stein [decano dei reporter NBA, poi passato al New York Times, ndr]. Non è una condanna di ESPN, davvero: è una questione sociale. È una cosa che succede ormai da molti, molti anni e secondo me sta invadendo anche il mondo dello sport”. Parole di un certo peso a cui l’emittente televisiva non ha ancora risposto pubblicamente, così come neanche i Lakers hanno deciso di esporsi per commentare quanto successo – cercando di non dare ulteriore peso alle sparate di LaVar, ma allo stesso tempo lasciando solo il proprio allenatore. A meno che la dirigenza non abbia dei dubbi su Walton: a quel punto i problemi, però, sarebbero ben più grandi rispetto a ciò che pensa o non pensa la famiglia Ball.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche