Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Washington Wizards, si ferma John Wall: fuori due mesi

NBA
wall

La point guard numero 2 di Washington si sottoporrà a un intervento al ginocchio sinistro che lo costringerà a saltare l’All-Star Game e buona parte della regular season

Nella corsa ai playoff a Est gli Washington Wizards perdono una pedina importantissima per i prossimi due mesi. Invischiati nel pieno del calderone della rincorsa alla post-season, i capitolini dovranno rinunciare a John Wall per almeno sei settimane, più probabilmente due mesi. Con la regular season che chiuderà i battenti a metà aprile, diventa minimo dunque il contributo che il numero 2 degli Wizards potrà garantire a Washington, al momento al sesto posto e con quattro partite e mezzo di vantaggio sui rinnovati Detroit Pistons. Wall si sottoporrà a un intervento in artroscopia al ginocchio sinistro per rimettere a posto un problema che non è mai stato definitivamente risolto. L’operazione verrà fatta in una struttura privata dell’Ohio gestita dallo stesso medico (Richard D. Parker, lo stesso che lavora per i Cleveland Cavaliers) che curò Wall nel maggio 2016 quando subì una doppia operazione alle ginocchia. “Ovviamente è una notizia terribile per noi”, commenta Tomas Satoransky che in realtà beneficerà a livello personale della sua assenza. L’infortunio risale allo scorso 7 novembre, successivo a un colpo subito nel match contro Dallas che tuttavia non lo convinse a fermarsi. Due settimane dopo il dolore era diventato insopportabile, con il gonfiore del ginocchio diventato invalidante. A quel punto, dopo il primo consulto medico, Wall decise di sottoporsi a delle iniezioni di plasma per rimettere a posto la giuntura, usando allo stesso tempo dell’antinfiammatorio per ridurre il dolore. “Una partita senti di stare molto bene, quella dopo è terribile”, raccontava soltanto pochi giorni fa il diretto interessato. Dopo nove partite rimasto a guardare, il rientro lo ha portato sì alla conquista dell’All-Star Game, ma senza permettergli di essere al meglio: nelle 21 gare post-infortunio Wall ha giocato oltre 34 minuti di media, mettendo a referto 18.6 punti, 9.3 assist e 1.5 recuperi. Il 40% al tiro è però il deterrente principale, quello che non ha permesso agli Wizards di essere la macchina perfetta vista la passata regular season.

Niente All-Star Game e playoff a rischio?

“Abbiamo trascorso un bel po’ di tempo insieme, ci sediamo sempre uno di fianco all’altro in aereo. Era chiaro il fatto che non si sentisse a suo agio, ma stava provando in tutti i modi a spingere sull’acceleratore – racconta Markieff Morris -. È un vero guerriero e sono sicuro che abbia fatto la scelta giusta: noi faremo di tutto per non far sentire la mancanza in queste settimane e non vediamo l’ora di riabbracciarlo ai playoff”. La sicurezza di Morris però potrebbe non trovare conferma. A guardare le partite che mancano infatti si scopre che gli Wizards sono quelli che dovranno affrontare il calendario più difficile da qui alla fine (almeno a livello di record delle avversarie) e i Pistons (la prima delle escluse) contano di fare un bel passo avanti con Blake Griffin in squadra. Wall inoltre non disputerà il quinto All-Star Game della sua carriera (ancora non è stato deciso il nome del suo sostituto) e sarà una complicazione non da poco da gestire per coach Brooks. Con lui Washington ha il quarto migliore Net Rating NBA (come Boston, per intenderci), senza soltanto il 23° su trenta squadre. “È una sfida che va raccolta. John è il nostro leader e non è mai facile trovare le forze per far fronte a un’assenza di quello spessore – racconta Satoransky -. Giocare contro le point guard titolari avversari sarà molto stimolante. So che i miei compagni mi daranno una mano”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche