Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, arbitri e giocatori cercano una soluzione alle tensioni: più dialogo e regole chiare

NBA

Dopo la crescente tensione delle ultime settimane sul parquet, due delegazioni di arbitri e giocatori si sono incontrare per provare a fare il punto. La discussione è andata avanti, tanti gli argomenti sul tavolo, ma non tutto è ancora stato chiarito e risolto

Dopo l’attesa durata alcuni mesi, fatti di tensione e scontri sul parquet, le delegazioni di arbitri e giocatori si sono incontrate durante l’All-Star Game di Los Angeles per cercare di smorzare le polemiche tra le parti, alla ricerca di una quadratura che sembra ancora lontana. Un incontro a cui hanno partecipato tre direttori di gara e tre giocatori che fanno parte delle rispettive rappresentative con il chiaro intento di stabilire un filo diretto tra i due gruppi, una comunicazione che metta in contatto i due organi senza per forza di cose essere costretti a passare dagli uffici NBA. Una delle rimostranze portate avanti all’unisono da entrambi le parti in causa infatti è che la lega nelle sue comunicazioni non sempre è chiara e in realtà racconta due verità diverse dello stesso episodio in base alla parte alla quale si rivolge, tendendo così a creare divisioni. È stato evidenziato come il numero di falli tecnici ed espulsioni è rimasto lo stesso rispetto a quello della passata stagione, con gli arbitri che attualmente ne fischiano 0.67 a partita dopo gli 0.63 di dodici mesi fa. Ma è la percezione a essere profondamente diversa, con tanti campioni (Kevin Durante, LeBron James, Steph Curry e tanti altri) contro cui sono stati ripetutamente comminate delle sanzioni. Questo non ha fatto altro che aumentare l’attenzione del pubblico e dei giocatori sulla situazione che più di ogni altra appare irrisolta. Le frizioni tra le parti infatti sono nate nel momento in cui si è discusso del protocollo definito “Rispetto del gioco”, varato nel 2010 e implementato nel 2015, in cui gli arbitri sono incentivati a punire ogni accenno di protesta. Un’intransigenza che è stata interpretata in maniera profondamente diversa: sia i giocatori che gli arbitri pensano che le regole attuali non siano state comunicate a dovere. La maggior parte dei tecnici infatti sono stati fischiati per violazioni di questo tipo e gli arbitri hanno ammesso che alle volte le loro sono state scelte eccessive e senza fondamento, mentre i giocatori spesso dimostrano di non conoscere quale sia il confine ammesso e quindi sentono lecitamente di non meritare un trattamento del genere. Senza chiarezza è difficile remare nella stessa direzione; per questo saranno previsti più incontri del genere in futuro. Un piccolo passo in avanti, non ancora quello definitivo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche