Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, J.R. Smith e l’ottima gara a Charlotte: tutto merito di Remington, amico a 4 zampe

NBA

Il numero 5 dei Cavaliers ha chiuso la partita contro gli Hornets tirando 8/9 dal campo e avendo enorme impatto in uscita dalla panchina. Un giocatore rigenerato, grazie a una terapia molto particolare usata per preparare la sfida

SAN ANTONIO SPURS-HOUSTON ROCKETS IN STREAMING SU SKYSPORT.IT DOMENICA ALLE ORE 21.30

Nonostante il record di franchigia di Kemba Walker, nonostante l’altro traguardo storico raggiunto nella serata da LeBron James, non si può glissare sulla vera storia della sfida tra Charlotte e Cleveland. Il protagonista è J.R. Smith, uscito più che soddisfatto dal parquet dopo aver giocato una delle migliori partite della sua stagione, segnando 19 punti e tirando 8/9 dal campo con soltanto due tentativi dall’arco. A fine partita il numero 5 dei Cavaliers ha ringraziato l’assistente Phil Handy, che lo ha incoraggiato prima del match a essere più aggressivo, ad andare a cercare falli e punti vicino al ferro. Larry Drew, allenatore in pectore in attesa del ritorno di coach Tyronn Lue, ha invece sottolineato che il merito è di un nuovo amico di Smith: un cane. Steve Spiro, uno dei trainer dei Cavaliers, ha chiesto informazioni riguardo il programma di preparazione utilizzato dalla squadra di baseball dell’università del North Carolina per rilassare i propri giocatori. Impegnati in una partita a Charlotte anche loro, i Tar Heels si sono trattenuti una notte in più in città per incontrare a colazione i Cavaliers arrivati in città per la sfida contro gli Hornets. La chiave della terapia è un golden retriever, un cane che permette ai giocatori di rilassarsi. L’effetto su J.R. Smith, da sempre appassionato e proprietario di due bulldog inglesi, è stato immediato. Il giocatore di Cleveland è rimasto ipnotizzato, intrattenendosi con Remington (questo il nome del cane) sia prima che dopo la sessione di tiro mattutina. “È stato il compagno ideale, almeno per me – sottolinea Smith -. Era esattamente ciò di cui avevo bisogno: la distrazione migliore per non pensare alla gara, la terapia perfetta per farmi stare meglio”. Insomma, il cane ha fatto alla perfezione ciò per cui era stato addestrato: sa dare il pugno a chi gli porge il suo, sa aprire la porta del frigorifero (a patto che ci sia una tovaglia legata alla maniglia) e fa regolarmente da raccattapalle e portaborracce alle partite di baseball di North Carolina.

Remington, il cane addestrato dai carcerati del West Virginia

Remington conosce più di 100 comandi, appresi in prigione durante i corsi tenuti proprio dai carcerati. La sua formazione infatti è frutto del lavoro fatto nelle comunità di recupero dei prigionieri di Raleigh che, a guardare il risultato, hanno fatto un ottimo lavoro. Un’organizzazione che aveva lavorato all’addestramento del cane con l’obiettivo di affidarlo poi a un cliente in Maryland. Un piano però cambiato all’ultimo momento, con Remington che per ripiego è stato spedito all’università di North Carolina, dove il coordinatore dei treiner andava alla ricerca di un cane di servizio perché i giocatori volevano averne uno quando facevano visita ai bambini in ospedale. Da quel momento in poi Remington è diventato una star del campus, conosciuto e coccolato da tutti in giro per l’università. Smith non è stato l’unico a restare affascinato dal nuovo compagno, ma buona parte del roster ne ha risentito positivamente. “A questo punto bisognerà iniziare a pensare di portare più spesso un cane alle sessioni di tiro”, scherza coach Drew. Beh, potrebbe non essere un’idea così strampalata.

My new best friend #Remington from #UNC

Un post condiviso da JR Smith (@teamswish) in data:

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche