Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Philadelphia non si ferma: 14^ vittoria in fila, 15 punti per Belinelli

NBA

Philadelphia batte Dallas, allunga a 14 la striscia di successi consecutivi e si gode il 3° posto a Est, guidata dal solito Ben Simmons (16-7-9) e dai 15 punti in uscita dalla panchina di Belinelli

CLICCA QUI PER TUTTI I TABELLINI - QUI PER TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Philadelphia 76ers-Dallas Mavericks 109-97

In Pennsylvania hanno aspettato così a lungo che non si annoieranno certo di continuare a festeggiare. I Sixers battono i Mavericks, vincono la 14^ gara consecutiva, consolidano il 3° posto a Est e continuano la cavalcata nella lunghissima volata verso i playoff. L’ultima volta che a Philadelphia avevano visto una striscia di successi così lunga J.J. Redick aveva 16 mesi e nessun’altro componente del roster era nato (nel 1983 con Julius Erving e Moses Malone). Neanche Marco Belinelli, veterano che a 32 anni suonati sembra un ragazzino felice in mezzo alla bella gioventù dei Sixers. Tirare e tagliare, tagliare e tirare. L’azzurro è una dinamo d’energia e di movimenti in attacco, fin troppi per la difesa dei Mavericks che non aveva poi così tanta voglia di stargli dietro. Il n°18 dei Sixers chiude con 15 punti in 27 minuti, in una serata in cui il tiro non vuole saperne poi tanto di andare dentro (0/3 dall’arco), ma in cui lui è riuscito comunque ad andarsi a prendere i suoi canestri. Per Ben Simmons ogni movimento senza palla è un invito a nozze e così il rookie banchetta nel pitturato (troppo grosso e allo stesso tempo troppo atletico per i difensori di Dallas), smazzando assist a destra e manca. Alla fine sono 16 punti, sette rimbalzi e nove assist, quelli che gli permettono di prendersi il quarto posto nella classifica all-time per passaggi vincenti in una singola stagione con la maglia dei Sixers. Il 14-0 di parziale a metà secondo quarto - realizzato con il quintetto titolare più Belinelli al posto di Redick – spezza in due la gara, ma non la chiude. I Mavericks si rifanno sotto fino al -5 e coach Brown è costretto in un paio di occasioni a chiamare di corsa timeout. Ramanzine che rimettono in carreggiata i padroni di casa, in una gara che non cambia in realtà mai padrone. La tripla di Dorian Finney-Smith dopo sette minuti regala infatti l’ultimo vantaggio agli ospiti sul 14-13. Da lì in poi quello dei texani è un inseguimento che non giunge a conclusione.

Sixers, 32 assist per la cooperativa del canestro

Alla sirena finale sono cinque giocatori in doppia cifra e otto quelli con almeno otto punti. Una cooperativa del canestro, con J.J. Redick miglior realizzatore a quota 18 punti e l’assenza di Joel Embiid passata già di mente a molti. In compenso c’è Markelle Fultz, in campo per 21 minuti e autore di un paio di giocate che lasciano ben sperare i tifosi dei Sixers. Philadelphia tira con oltre il 50% dal campo, nonostante fatichi dall’arco (8/27, 29%). Alla fine sono 32 gli assist su 46 canestri, sintomo di come le cose in attacco siano andate per il meglio. Dall’altra parte i Mavericks, senza Nowitzki in queste ultime gare, si godono i 20 punti, 11 assist e cinque rimbalzi di Dennis Smith Jr., protagonista assieme a un Harrison Barnes da 21 con 9/25 al tiro. I Sixers hanno sofferto il loro atletismo in alcuni momenti della sfida, un po’ sbadati a protezione del ferro e forse troppo sicuri di vincere una partita che alla fine sono riusciti lo stesso a portare a casa. Il profilo Twitter della franchigia della Pennsylvania da qualche giorno ha cambiato nome in "x - Philadelphia 76ers ", sottolineando come il traguardo playoff sia stato archiviato. Accontentarsi proprio adesso però sarebbe ingenuo. Gli Hawks prossimi avversari sono avvisati: a Philadelphia non vogliono smettere di correre.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche