Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, Golden State-San Antonio 116-101: esplode Klay Thompson nel quarto quarto, è 2-0 Warriors

NBA

Un secondo tempo da 69 punti assicura agli Warriors il 2-0 nella serie contro San Antonio. Ci sono 32 punti per Kevin Durant e 31 – di cui 16 nel solo quarto quarto – per Klay Thompson. Agli Spurs non bastano i 34 con 12 rimbalzi di LaMarcus Aldridge

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

Golden State Warriors-San Antonio Spurs 116-101

Un vecchio fantasma torna ad agitare i sonni dei Golden State Warriors all’inizio di gara-2 contro San Antonio: le palle perse. Gli uomini di coach Kerr ne commettono 7 nel solo primo quarto (per 8 punti degli Spurs), 11 alla fine del primo tempo e il punteggio sul tabellone, che vede i texani andare all’intervallo sul +6 (53-47) è il frutto di questo dato e del grande primo tempo di LaMarcus Aldridge, che dopo i primi 24 minuti ha già 17 punti. Gli Warriors però sono i campioni NBA in carica non per nulla e dopo aver segnato l’ultimo canestro del primo tempo escono dagli spogliatoi trasformati: il parziale di 14-3 con cui aprono il terzo quarto stordisce gli Spurs e rimette davanti i padroni di casa, ma è ancora Aldridge a rispondere da campione, segnando 11 punti consecutivi per i nero-argento, portandosi a quota 28 dopo i primi tre periodi e trascinando San Antonio di nuovo in vantaggio. Sono 28 però anche i punti entrando nell’ultimo quarto di Kevin Durant, che insieme ai punti di JaVale McGee e di David West regalano agli Warriors un terzo quarto da 33 punti che ribalta il punteggio dal -6 dell’intervallo al +5 dell’ultimo break. L’ultima frazione si apre con Durant in panchina e allora è Klay Thompson a prendersi il palcoscenico: sono suoi i 6 punti consecutivi che fanno gonfiare il vantaggio dei californiani fino alla doppia cifra (88-77 dopo solo un minuto e mezzo del quarto quarto) e che portano il suo bottino parziale a quota 21. Sale di colpi anche la difesa degli Warriors, sempre più fisica sulle penetrazioni degli avversari e molto attiva sulle linee di passaggio, per recuperare palloni preziosi. I texani cercano di restare aggrappati alla partita grazie ai canestri di un ispirato Patty Mills (21 punti con tre triple a segno per lui alla fine) oltre a quelli di Aldridge, l’assoluto go-to-guy designato di Gregg Popovich, capace di chiudere a quota 34 punti con 12 rimbalzi e 12/12 dalla lunetta. Ma il quarto quarto appartiene a Thompson che segna 16 dei suoi 31 punti negli ultimi dodici minuti di partita (con 6/7 al tiro), rendendo incolmabile il vantaggio dei padroni di casa. Partecipa al party anche Andre Iguodala con 14 punti (e un ottimo 5/7 al tiro), 7 rimbalzi e 5 assist: sono suoi i canestri finali che finiscono per rendere bugiardo il risultato, dando proporzioni immeritate al ko degli Spurs, a lungo in partita alla Oracle Arena. 

La coppia Durant-Thompson produce 63 punti

Tra i padroni di casa il top scorer rimane Kevin Durant a quota 32 con 10/19 dal campo, 6 rimbalzi e 6 assist, ma toccano la doppia cifra anche JaVale McGee e David West, entrambi a quota 10: proprio un infortunio al lungo da Xavier però (la cui caviglia si gira costringendolo a lasciare il campo) è l’unica nota negativa per gli Warriors in gara-2: le due squadre si ritrovano giovedì 19 aprile in Texas, dove gli Spurs hanno compilato un ottimo 33-8 in stagione regolare. Tutto da vedere se David West sarà della partita, mentre di sicuro mancherà in casa Spurs Kawhi Leonard: c'è forse un segnale diretto al n°2 dei nero-argento nelle parole di coach Popovich dopo la gara, che loda il più possibile LaMarcus Aldridge: "Non si lamenta mai, gioca superando ogni avversità - dice l'allenatore degli Spurs - e per questo non riesco a immaginare di poter essere più orgoglioso di un mio giocatore per la sua capacità di andare oltre ogni ostacolo ed essere un punto di riferimento per i suoi compagni sera dopo sera". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche