Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, Cleveland-Indiana 100-97: James si traveste da Superman, 46 punti e vittoria Cavs

NBA

LeBron James segna 20 punti nel solo primo quarto, in una gara chiusa con 46-12-5; decisivo nel trascinare Cleveland al successo. Indiana insegue per tutta la sfida, recupera lo svantaggio di 18 lunghezze, ma Victor Oladipo sbaglia la tripla del possibile pareggio a meno di 30 secondi dal termine

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Cleveland Cavaliers-Indiana Pacers 100-97

LeBron James ci teneva sin da subito a mettere le cose in chiaro. A scacciare i cattivi pensieri che sono balenati nella mente di molti dopo il rumoroso ko di gara-1. Nella seconda partita della serie era vietato sbagliare e il n°23 ha risposto ancora una volta presente. Dopo meno di sei minuti, erano già 16 i punti messi a referto da LeBron – la miglior performance per aprire un match degli ultimi 20 anni nei playoff, con tutti gli altri giocatori dei Cavs a secco. È solo uno dei tanti record aggiornati da James dopo la gara di questa notte: a fine primo quarto 20 punti segnati, con Cleveland che vola anche sul +18 e riesce ad amministrare fino in fondo il bottino accumulato. LeBron chiude con 29 punti all’intervallo lungo e 46 alla sirena (su 100 totali di squadra, un’enormità), conditi con 12 rimbalzi, cinque assist e due recuperi. One for the ages, un asso nella manica che i vice-campioni NBA speravano di giocarsi più avanti nel corso della post-season: “Ho giocato la mia partita, niente più”. Per James è la decima gara ai playoff in carriera con almeno 40 punti, dieci rimbalzi e cinque assist: negli ultimi 35 anni nessuno è riuscito a metterne a referto così tante (Shaq e Jordan seguono distanti a quota quattro). La 20^ volta che il n°23 chiude con almeno 40 punti una sfida in post-season; un traguardo gli vale il secondo posto all-time assieme a Jerry West, alle spalle del solo Jordan (a quota 38 totali, ancora molto lontano). Il dato preoccupante però è che nonostante la sua partita da record, Cleveland ha rischiato ancora una volta di non portarla a casa, fortunata perché Victor Oladipo ha sbagliato la tripla che a 27 secondi dalla sirena sarebbe valsa la prima parità dopo 47 minuti di inseguimento da parte dei Pacers: “Avevo un tiro aperto a disposizione, dovevo prenderlo ma purtroppo non è andata dentro – racconta Oladipo, autore di 22 punti in 28 minuti, limitato dai problemi di falli -, se potessi rigiocare quel possesso altre 100 volte continuerei a prendermi quel tiro sempre e comunque”. James però non può di certo sorridere per l’ennesimo pericolo scampato: “Abbiamo sprecato tutto il nostro vantaggio e siamo stati fortunati, è stato un errore provvidenziale per noi”. Uno dei tanti modi rocamboleschi per riportare la serie in parità sull’1-1.

L’infortunio di Kevin Love e il rush finale di Cleveland

Sì, oltre a James ci sono anche gli altri, più o meno utili alla causa e inevitabilmente secondari e chiamati a ruotare attorno al Re. Kyle Korver, partito in quintetto in una squadra che con Kevin Love da cinque, chiude con 12 punti e quattro triple pesantissime nell’aprire il campo. Meglio di lui fa proprio Love, che ne mette 15 prima di uscire a causa di un infortunio al pollice a meno di quattro minuti dal termine. Il n°0 – che a inizio stagione si era rotto il dito della mano sinistra -, è stato costretto a lasciare il parquet in un momento cruciale, osservando i compagni dalla panchina dopo che i raggi hanno scongiurato il peggio: “Ho visto il replay, più e più volte, è non sembrava qualcosa di buono. È stata una bella botta – racconta il diretto interessato -, appena ho rimesso piede in panchina ho detto al coach che sarei voluto tornare in campo, ma a lui stava piacendo il modo in cui giocavamo e infatti i ragazzi sono riusciti a portarla a casa anche senza di me. Domani non sarà una grande giornata, ma con un po’ di ghiaccio e qualche fasciatura sarò pronto per gara-3”. Amarezza invece nello spogliatoio dei Pacers, dopo aver sfiorato l’impresa di fare il doppio colpo a Cleveland mettendo alle corte i Cavs. Indiana chiude con il 52.6% dal campo, nonostante le imprecisioni dall’arco. A pesare però sono soprattutto le 17 palle perse che hanno tolto a Oladipo e compagni un bel po’ di possessi. Dopo due partite ormai tutti hanno imparato la lezione: la serie è più in equilibrio di quanto pronosticato alla vigilia e a fare la differenza sono i dettagli. Come un possesso gestito meglio o una tripla che non finisce sul secondo ferro. Sempre che LeBron non decida di vincerla da solo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche