Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018: OKC-Utah 107-99, rimonta da -25 dei Thunder grazie a super Westbrook

NBA

OKC crolla sul -25 a inizio ripresa, arriva a un passo dall’eliminazione dai playoff, ma recupera nel terzo quarto e vince grazie ai 45 punti, 15 rimbalzi e sette assist di Russell Westbrook, riportando la serie a Salt Lake City sul 2-3 in favore dei Jazz

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Oklahoma City Thunder-Utah Jazz 107-99

A un passo dal baratro, forse nel peggior momento della sua carriera, Russell Westbrook è riuscito ancora una volta a tirare fuori dal cilindro una delle prestazioni più convincenti e travolgenti della sua carriera, guidando i Thunder in una storica rimonta e riportando a galla OKC. I padroni di casa, chiamati a vincere a ogni costo dopo le tre sconfitte consecutive nella serie, hanno approcciato nel peggior modo possibile la sfida contro i Jazz, segnando soltanto 12 punti in totale nel secondo quarto e sprofondando sul -25. L’eliminazione sembrava ormai una formalità da vidimare senza troppo sforzo da Utah, quando nel terzo periodo Westbrook e più in generale tutti i Thunder sono riusciti a trovare energie e forze insperate, dando il via a una rimonta che in poco più di otto minuti si è fatta sempre più avvincente. Nella seconda metà di terzo quarto il parziale messo a referto parla chiaro: 32-7 il conto dei punti in favore dei Thunder, che tirano 11/15 dal campo e 4/5 dall’arco negli ultimi otto minuti e mezzo di periodo, contro il 2/14 e lo 0/7 dalla lunga distanza degli ospiti. Dopo un botta del genere e con una partita che i Jazz si ritrovano nuovamente costretti a vincere, l’inerzia passa tutta nelle mani di OKC, che per la prima volta in questa post-season si gode a pieno il suo duo di All-Star. Paul George infatti rispolvera gli splendori messi in mostra in gara-1, chiudendo il match con 34 punti, 12 canestri e otto rimbalzi; spalla ideale a un Westbrook che è riuscito a trovare il modo di mettere a referto un’altra prestazione a suo modo da record. Criticato molto per la gestione e il mancato apporto soprattutto nei finali di gara durante la serie (merito della splendida e organizzata difesa dei Jazz), Westbrook ha travolto Utah negli ultimi 20 minuti di partita, vincendo da solo la sfida contro tutti i suoi avversari messi insieme. Nell’ultimo quarto e mezzo abbondante di gara infatti il n°0 dei Thunder ha segnato 33 punti, contro i 28 complessivi raccolti dai Jazz. Uno sprint decisivo per concludere la sfida con 45 punti, 15 rimbalzi e sette assist (per un totale di 79 con quelli realizzati da George, il massimo mai messo a referto da un duo nella storia di Supersonics e Thunder). Uno dei tre giocatori assieme a Wilt Chamberlain e LeBron James a giocare una partita playoff da 45+ punti, 15+ rimbalzi e 5+ assist. Una prestazione storica, in tutti i sensi.  

Utah, che rimpianto e che crollo nel finale

I Jazz hanno molto da recriminare, per una volta insicuri e immaturi nel momento decisivo della gara. Utah ha avuto un match point che potrebbe rimpiangere a lungo, anche se le resta ancora un discreto vantaggio e l’opportunità di giocarsi il passaggio del turno in casa in gara-6. A inizio ripresa è scattato qualcosa nella testa dei giocatori, dopo che con l’8-1 iniziale di parziale e la tripla di Jae Crowder avevano toccato il +25. Un senso di appagamento che ha punito gli ospiti, nonostante i 27 punti (massimo in carriera ai playoff) per l’ex giocatore di Celtics e Cavs, miglior realizzatore tra i Jazz in una gara in cui tutto il quintetto chiude in doppia cifra. Donovan Mitchell ne segna 23 con 9/22 al tiro, limitato in parte da Alex Abrines nel finale e un po’ dalla mira che è venuta meno. Le ultime azioni e occasioni per rimettersi in carreggiata non sono mancate ai Jazz, che non hanno smesso di eseguire come sanno, ma che hanno semplicemente smarrito per strada la mira.: “Abbiamo smesso di giocare in difesa, di tornare indietro a proteggere il ferro – è il commento di Donovan Mitchell -. Il nostro attacco inevitabilmente è diventato stagnante. Loro hanno fatto degli aggiustamenti a fine primo tempo e noi non siamo riusciti a rispondere. Dai video capiremo cosa è successo, ma non penso di essere andato molto lontano dalla verità: ci hanno preso a calci nel sedere”. Alle volte contro la forza della disperazione è difficile confrontarsi: “Era una partita da vincere o andare a casa – racconta Westbrook -, a prescindere da quello che accade sul parquet, devi dare tutto e pensare sempre di avere una chance. Ecco, stavolta credo che tutti noi abbiamo fatto il nostro dovere”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche