Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, Toronto-Cleveland gara-2 110-128: mostruoso LeBron, esplode Love, è 2-0 Cavs

NBA

Una prestazione leggendaria del n°23 di Cleveland (la prima di sempre nella storia dei playoff NBA con almeno 40 punti e 14 assist) aggiunta ai 31 punti di Kevin Love danno ai Cavs il doppio vantaggio nella serie contro Toronto. Decisivo il terzo quarto, vinto dagli ospiti 37-24

IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Toronto Raptors-Cleveland Cavaliers 110-128

“La notte del fade-away”. Kevin Love assicura che già fin dallo shootaround del mattino si capiva che LeBron James aveva in serbo qualcosa di speciale per gara-2 all’Air Canada Centre. Cosa sarebbe stato chiaro a tutti soltanto poche ore dopo. La prestazione da 43 punti, 14 assist e 8 rimbalzi sfoderata dal n°23 di Cleveland nella seconda trasferta canadese verrà ricordata per l’incredibile precisione del suo tiro cadendo all’indietro, che James ha mandato a segno frustrando la difesa dei Raptors per tutta la serata, inventandosi canestri ai limiti dell’incredibile. Sono stati ben 7 i canestri di LeBron in fade-away, un numero record per una gara di playoff (dal 2001-02) che pareggia quelli mandati a segno da Klay Thompson nel 2015. La precisione del suo tiro – 19/28 la prestazione complessiva dal campo – ha spinto “King” James a firmare la prima partita di sempre nella storia dei playoff NBA chiusa da un giocatore con almeno 40 punti e 14 assist, la sua quarta con almeno 40+10 (quattro ne hanno fatte registrare in carriera anche Michael Jordan, Oscar Robertson e Jerry West). Per James si tratta della 16 prestazione nella postseason NBA con almeno 30 punti e 10 assist, numeri che lo vedono al primo posto assoluto, superando Michael Jordan (15). Pur in una serata del genere, però, non ci sono state solo le prodezze del n°23 alla base del secondo successo esterno consecutivo dei Cavs – e il primo a saperlo è lo stesso James, che condivide i meriti della vittoria con i compagni, a partire da Kevin Love, autore di una gara da 31 punti (solo uno in meno del suo massimo in carriera ai playoff) e 11 rimbalzi, con 11/21 al tiro: “Fantastico vederlo protagonista di una performance del genere”, le parole del fenomeno di Akron. “Kevin è la nostra ala forte, un All-Star: questa partita per lui ha un significato enorme”. Lo ha sicuramente, viste le difficoltà dell’ex UCLA fin qui nella serie e nei playoff: i 18 punti già segnati all’intervallo da Love erano infatti solo uno in meno della sua miglior prestazione complessiva in questa postseason NBA. Se la coppia James-Love ha rubato il palcoscenico al resto dei protagonisti, Cleveland ha visto comunque un’ottima prestazione del suo supporting cast, con 13 punti di George Hill, 14 di Jeff Green e 15 (di cui 6 nel parziale di 18-5 con cui Cleveland ha aperto il terzo quarto) di un decisivo J.R. Smith. È stato proprio il terzo quarto il momento chiave della gara: con i Raptors ancora in vantaggio di due punti all’intervallo (dopo essere stati sopra anche di 9 nel secondo quarto), Cleveland chiude il terzo parziale con un roboante 37-24, guadagnandosi un vantaggio di 11 punti che Toronto non riesce più a mettere in discussione. Sempre fondamentale, anche nel break decisivo, la coppia James-Love: per il primo 15 punti con 7/10 al tiro nel solo terzo periodo, mentre altri nove punti sono arrivati dal secondo.

Ibaka irriconoscibile, Cleveland bestia nera

E proprio Love, riconosce nel post-gara l’allenatore di Toronto Dwane Casey, “è stato il matchup per noi più difficile da gestire”. Non sono bastati ai Raptors i 45 punti in due della propria coppia di All-Star formata da DeMar DeRozan (24 con 11/23 dal campo) e Kyle Lowry (21 con un ottimo 7/10 e anche 8 assist), anche perché per l’ennesima volta ha deluso fortemente Serge Ibaka, solo 9 punti per lui finora nella serie e titolare di un deludente 0/5 per due punti in gara-2: “Non è lui, non so cos’abbia”, le parole di uno sconsolato coach Casey a fine gara. Nonostante la doppia doppia di Jonas Valanciunas (16+12 rimbalzi per il lituano) e i 14 punti dalla panchina di Fred VanVleet, Toronto paga le 11 palle perse (sono 25 nella serie, contro le sole 9, sei in gara-1 e soltanto 3 in gara-2) e deve così arrendersi per la prima volta in tutta la stagione per la seconda volta consecutiva tra le mura amiche: dopo aver chiuso la regular season con lo stesso record interno degli Houston Rockets (un ottimo 34-7), i Raptors hanno vinto tutte le tre gare disputate in Canada contro Washington, al primo turno, ma questo non è bastato ad arginare l’onda d’urto di LeBron James e compagni, gli ultimi peraltro a passare due volte consecutivamente all’Air Canada Centre in gara-3 e 4 dei playoff 2017. Ora che la serie si sposta in Ohio, Toronto vede le cose complicarsi ulteriormente: in canadesi sono 0-5 a Cleveland nelle ultime due annate di playoff, sconfitti con un margine di vittoria quasi umiliante (24.2 punti di media).

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche