Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Chris Paul sarà in campo in gara-7? Le parole di Mike D'Antoni e dei suoi compagni

NBA

L'allenatore degli Houston Rockets rimette la decisione allo staff medico della squadra, ai trainer e al giocatore stesso: "Se incasso tre 'sì' Chris sarà in campo, ma se anche uno solo di loro dà parere contrario..."

È la domanda sulla bocca di tutti: Chris Paul sì, Chris Paul no? La point guard di Houston sarà in campo o meno in gara-7 della finale della Western Conference contro Golden State? L’infortunio subìto al bicipite femorale destro a meno di un minuto dal termine di gara-5 da CP3 rischia di privare la gara del Toyota Center di uno dei suo protagonisti (anche se pure i californiani sono alle prese con le condizioni fisiche precarie di Andre Iguodala e di Kevon Looney, che potrebbero essere costretti a loro volta a saltare la partita): “Se i trainer mi danno l’ok, se lo staff medico mi dà l’ok e il giocatore mi dà l’ok, allora sarà in campo”, dice Mike D’Antoni. Che però aggiunge immediatamente: “Se ricevo però indicazione contraria anche solo da una di queste parti, Chris non sarà della gara”. È già successo altre 24 volte in stagione, e negli incontri disputati senza il loro All-Star i Rockets hanno compilato un record di 15 vinte e 9 perse. Vorrebbe dire rinunciare agli oltre 21 punti e quasi 6 assist di media che la sua presenza in campo assicura in questi playoff – anche se nelle ultime due gare, disputate da autentico protagonista contro gli Warriors, la sua media punti è ulteriormente aumentata (23.5 punti a sera). “Il suo recupero sta procedendo bene – dice D’Antoni – sta ricevendo trattamenti 24 ore al giorno dal nostro staff medico e dai nostri trainer. Vero però che non ha neppure provato finora a testare la gamba: non ha ancora mai corso, non si è mai allenato”. E un infortunio muscolare come quello subito da Paul, in una zona delicata del corpo come quella del bicipite femorale, è sicuramente noioso e parecchio vincolante per qualsiasi giocatore, la cui libertà di movimento, accelerazione e corsa può essere fortemente limitata. “Lo testeremo nella mattinata della gara e poi probabilmente ancora nel pomeriggio, a ridosso della palla a due”, racconta sempre D’Antoni. “Non farò pretattica, appena saremo in possesso dell’informazione – e sapremo se Chris potrà o no essere in campo – lo annunceremo, non vogliamo giocarci”. Lo stato d’animo di tutti i suoi compagni è riassunto invece dalle parole di P.J. Tucker: “Ovviamente vorremmo la nostra point guard di nuovo in campo al nostro fianco ma se non dovesse farcela dobbiamo essere pronti. Nel primo tempo di gara-6 abbiamo dimostrato di poter comunque essere competitivi, dobbiamo solo restare concentrati. È già successo in stagione, ne abbiamo anche parlato: abbiamo giocato gare senza James [Harden] e altre senza Chris [Paul], ma chiunque è in campo deve giocare assieme ai suoi compagni, ancora più duro di quanto già faccia normalmente”. Contro i campioni NBA in carica potrebbe anche non bastare, ma Houston è a un passo dalla storia e – con Chris Paul o senza – farà di tutto per non fallire l’appuntamento”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche