Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, Steph Curry vincerà il premio di MVP? Adesso deve fare i conti con Durant

NBA

Dopo le due partite della Oracle Arena, nessuno aveva dubbi riguardo la definitiva consacrazione del n°30 sul palcoscenico più importante della NBA. Dopo la super prestazione di Durant in gara-3, a qualcuno è venuto il dubbio: chi sarà l'MVP delle Finals 2018? 

Premessa d’obbligo: qualora i Cleveland Cavaliers compiano un’impresa mai riuscita prima, rimontando una serie playoff dopo essere stati sotto 3-0, il dubbio sarebbe risolto alla radice. Così come se la lega avesse previsto con maggiore frequenza l’assegnazione del premio di miglior giocatore delle Finals a prescindere dal successo o dalla sconfitta al termine della serie stessa. In entrambi i casi il titolo di MVP sarebbe giustamente assegnato a LeBron James, solo contro tutti e potendo fare affidamento mai come quest’anno su un supporting cast molto limitato. La palla però sembra essere passata nell’altra metà campo, dove siede Steph Curry, ormai a un passo dal terzo titolo NBA in quattro anni e a cui manca soltanto il premio di MVP delle Finals per chiudere il cerchio. Le prime due sfide della serie hanno dato degli indizi importanti riguardo la sua candidatura, con il n°30 sempre protagonista e miglior realizzatore per i padroni di casa, con tanto di record di triple realizzate in una singola gara delle finali (9/17 in gara-2, meglio di quanto fatto da Ray Allen nel 2008). Nel primo episodio giocato a Cleveland però, il banco è saltato: Curry ha faticato tantissimo a trovare il fondo della retina, chiudendo con 11 punti e un modesto 3/16 dal campo e 1/10 dalla lunga distanza. A farne le veci ci ha pensato Kevin Durant, che in gara-3 si è preso di forza il palcoscenico chiudendo con 43 punti, percentuali irreali e tanto di tripla fotocopia (e allo stesso modo vincente) rispetto a 12 mesi fa. Una prestazione maiuscola, che unita ai 26 punti messi a segno in tutti e due i primi episodi (sì, senza che nessuno se ne accorgesse) lo hanno reso il miglior giocatore degli Warriors per punti segnati (29.4), secondo per rimbalzi (7.6) e terzo per assist (4.5). Il tutto condito con un livello di applicazione e resa difensiva secondo a pochissima, con la capacità di cambiare e contenere qualsiasi tipo di avversario. Insomma, con ancora almeno una sfida fa valutare, in molti credono sia giusto dare nuovamente a Durant il premio a 12 mesi di distanza.

Il racconto di Steph: "Ho continuato a tirare, volevo che almeno uno andasse dentro"

Curry in realtà ha dato un saggio della sua forza in gara-3, nonostante sia stata una delle partite più complicate della sua carriera alle Finals. I precedenti storici lo avevano già messo in allerta: Ray Allen infatti nel 2008 chiuse con 0/8 dall’arco nella sfida successiva al record raccolto contro i Lakers e anche Steph ha faticato a lungo per trovare ritmo e precisione: “Volevo a tutti i costi segnarne almeno uno prima di lasciare l’arena. Era l’unica cosa a cui stavo pensando. Per fortuna è entrato il tiro più importante di tutti, è stata una bella sensazione”. La decima tripla dunque è stata quella decisiva, il sintomo di come la fiducia di un tiratore non cambia dopo qualche errore e che anche in una serata del genere è riuscito a lasciare il suo marchio: “La tripla di Steph è stata quella decisiva, assieme al canestro di Durant”, sottolinea Kerr, come tutti consapevole che anche avere sbagliato qualche tiro aperto e non contestato non avrebbe intaccato l’atteggiamento e l’aggressività di Curry nel match. Poi è lo stesso n°30 degli Warriors a evidenziare l’eccellente lavoro di Durant, spesso criticato per aver fermato la circolazione dell’attacco di Golden State e aver reso stagnante l’esecuzione dei campioni NBA: “Lo avete visto in questa gara? Davvero pensate sia un problema? Abbiamo mantenuto un grande equilibrio”. Se ne sono accorti anche i Cavaliers, che ne hanno fatto le spese anche questa volta. Con buona pace dei complottisti e di quelli che immaginano guerre intestine agli Warriors nel dare la caccia al premio di MVP: con un anello in più al dito, sarà molto più facile per chiunque accettare di ricevere un trofeo in meno. Sia per Durant, che per Curry.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche