Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 settembre 2018

Mercato NBA, Luol Deng rinuncia a 7.5 milioni e torna free agent

print-icon

L'ala inglese e i Los Angeles Lakers hanno raggiunto un accordo per il buyout: il giocatore rinuncia a 7.5 dei 36.8 milioni che gli erano dovuti nei prossimi due anni, tornando quindi free agent (su di lui ci sarebbe Minnesota). Con questa mossa i Lakers avranno 38 milioni di spazio salariale nella prossima estate per dare la caccia a un big

Nel gruppo che tra poco meno di un mese si incontrerà a Los Angeles per il training camp della nuova stagione dei Lakers, non ci sarà Luol Deng. Il 33enne inglese, già da tempo fuori dal progetto gialloviola, ha trovato un accordo per il buyout del suo contratto, rinunciando a 7.5 dei 36.8 milioni previsti dal suo contratto per le prossime due stagioni. Un risparmio che permetterà ai Lakers di avere ben 38 milioni di spazio salariale per la prossima estate, avendo quindi ambio margine per poter aggiungere un free agent da massimo salariale come Kawhi leonard, Kevin Durant, Klay Thompson o Jimmy Butler. I Lakers useranno la “stretch provison” per spalmare i 29 milioni rimanenti del buyout di Deng fino al 2022, una manovra che avrebbero potuto effettuare anche nell’estate del 2019 ma con un risparmio minore. Nella scorsa stagione Deng era stato a lungo lontano dalla squadra, scendendo in campo solamente una volta: chiude la sua esperienza a L.A. con più milioni sul contratto (72) che partite disputate (57).

Deng torna free agent: va a Minnesota da Thibodeau?

Proprio il pochissimo spazio avuto – anche per motivi fisici, oltre che tecnici – e la voglia di tornare a giocare hanno spinto Deng a rinunciare a una parte consistente dei soldi che gli erano dovuti, ripresentandosi sul mercato dei free agent in cerca di un contratto. Probabile che abbia già un accordo per andare da qualche parte (altrimenti rinunciare a 7.5 milioni sarebbe una scelta quantomeno discutibile):  una delle voci che si rincorrono è quella che vede i Minnesota Timberwolves del suo ex allenatore Tom Thibodeau interessati a riunirli con i suoi ex compagni Jimmy Butler, Derrick Rose e Taj Gibson. E se si liberasse anche Joakim Noah, la cui esperienza a New York sembra ormai al termine, coach Thibs riuscirebbe nell’impresa di riabbracciare un quintetto intero di giocatori avuti nella sua precedente esperienza a Chicago tra il 2010 e il 2015. Viene da pensare che mancherebbero giusto Kirk Hinrich e Omer Asik per riportare la banda al completo…

NBA 2018-19, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi