Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, DeMar DeRozan: tripla doppia e vittoria nel ritorno di Leonard a San Antonio

NBA

Il n°10 degli Spurs vince la sfida tra ex e la sua prima partita in carriera contro Toronto; la gara ideale per mettere a referto la prima tripla doppia della sua carriera. Leonard viene sommerso di fischi e chiude con 21 punti in un match dominato dai texani per 48 minuti

KAWHI LEONARD E I FISCHI DI SAN ANTONIO

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

HARDEN MOSTRUOSO: TRIPLA (DOPPIA) DECISIVA ALL'OT CONTRO GLI WARRIORS

San Antonio Spurs-Toronto Raptors 125-107

Non poteva scegliere partita più adatta DeMar DeRozan per mettere a referto la prima tripla doppia della sua carriera. “Gli avevo detto che era giunto il momento”, commenta coach Popovich, stranamente sorridente a fine gara e soddisfatto del successo senza appello conquistato contro i Raptors. Merito soprattutto dei 21 punti, 14 rimbalzi e 11 assist firmati dall’ex All-Star dei Raptors, alla prima partita in carriera contro i canadesi. Tutta San Antonio infatti guardava al ritorno di Kawhi Leonard – fischiato e contestato selvaggiamente dall’inizio alla fine – ma i nero-argento hanno già trovato delle ottime mani alle quali affidarsi. DeRozan diventa così il 13° giocatore degli Spurs a riuscire a mettere a referto una tripla doppia, il primo a farlo negli ultimi 15 anni all’AT&T Center (l’ultima risaliva a Tim Duncan, nel 2003). Il nativo di Compton inoltre è il quinto nella storia NBA a raccogliere una tripla doppia contro la sua ex-squadra, il secondo mettendo a referto almeno 20 punti. Insomma, una soddisfazione enorme per chi è stato scaricato dopo anni vissuti da protagonista a Toronto. La sua è una delle tantissime storie presenti in una partita dominata dagli Spurs, che piazzano il parziale da 38-19 nel primo quarto, allungano ben oltre la doppia cifra e non si voltano più indietro. Tutto il quintetto dei padroni di casa chiude con almeno 13 punti a segno, lasciando le briciole a una panchina dalla quale esce un Marco Belinelli da sette punti e 2/9 al tiro in 22 minuti. L’ennesima buona notizia nella serata dei texani arriva dall’infermeria: Lonnie Walker IV, la 18esima scelta degli Spurs all’ultimo Draft, è tornato finalmente a disposizione dopo un lungo infortunio, giocando i suoi primi cinque minuti in carriera in NBA. Meno di 300 secondi sul parquet, una tripla a bersaglio e soprattutto un’atmosfera che difficilmente dimenticherà. Non soltanto lui.

Partita complicata per Leonard e Green

Già, perché non si può far finta che sulla partita giocata dai canadesi non sia pesata l’atmosfera infernale che gli oltre 18.000 spettatori presenti a San Antonio sono riusciti a creare. Un colpo a livello emotivo che fa sprofondare i Raptors sul -26 già nel primo tempo, per poi aprire la ripresa con un parziale da 12-0 sempre in favore degli Spurs. Una gara con un solo padrone, in cui Leonard chiude con 21 punti (gli stessi di DeRozan), tirando 8/13 dal campo e provando a non far pesare l’assenza di Kyle Lowry – che resta a bordocampo a guardare, riprende con lo smartphone il suo compagno di squadra travolto dai giornalisti nel pre-partita e saluta affettuosamente il suo amico DeRozan a fine gara. Una sfida certamente molto emozionante anche per Danny Green, partito per il Canada in estate e anche lui al primo ritorno da ex. In un’arena in cui è spesso riuscito a fare centro, la mano per una volta ha tremato più del previsto: alla sirena finale sono 0 punti, con 0/7 dal campo e sei errori dalla lunga distanza. Non poteva essere una partita come le altre, neanche per lui.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.