Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Fortnite è una delle ragioni alla base delle sconfitte dei Knicks. Parola di Fizdale

NBA

New York è tornata al successo in casa contro San Antonio, ma ancora non ha sconfitto del tutto uno dei suoi principali avversari; il video gioco con cui buona parte del roster dei Knicks passa le ore: "Altro che Celtics, l'avversario più difficile da battere è Fortnite"

VINCONO I KNICKS E LUI SI PORTA A CASA UN OSCAR: LA SERATA MAGICA DI SPIKE LEE

Dopo tre mesi di astinenza, il pubblico di New York è tornato a gioire per un successo al Madison Square Garden dei Knicks. Battuti gli Spurs in corsa per un posto ai playoff a Ovest, mentre i ragazzi di coach Fidzale da mesi ormai non sembrano essere molto interessati a quello che accade sul parquet. Kevin Knox e i suoi giovani compagni di squadra infatti da qualche settimana hanno un’altra fissazione; quella che è stata indicata per ben tre volte in conferenza stampa dall’allenatore dei Knicks come la principale ragione di distrazione per i suoi ragazzi: “Il peggior rivale che devo affrontare è Fortnite, un avversario da battere molto più complicato dei Boston Celtics”, aveva detto la scorsa settimana dopo l’accenno fatto a dicembre. Una frase ripresa più volte nelle ultime ore: “Fortnite è imbattuto al momento”, a differenza di New York che continuava a fare acqua da tutte le parti. Critiche fondate, visto quanto raccontato da Mitchell Robinson, secondo molti il migliore del roster quando si tratta di passare del tempo con Fortnite: “Sto limitando il tempo passato a giocare, soprattutto dopo aver letto dei problemi generati dal restare così a lungo di fronte a uno schermo prima di andare a dormire. Sto verificando su me stesso i benefici: il mio livello di energia è superiore rispetto al solito. Nessuno di noi in squadra in realtà ha eliminato Fortnite dalla propria vita, anzi”. Una gestione responsabile che si spera porti i suoi frutti. Anche se la continuità di risultati sul parquet appare molto lontana.

Lo scetticismo di Hezonja: “Meglio i video giochi che uscire a far festa”

Mario Hezonja ad esempio si è più volte detto in disaccordo con chi vedeva nel video gioco una causa dei problemi alla base del rendimento della squadra: “I professionisti possono controllare sé stessi, non ci sono problemi. Ma non devi mai essere esagerato, non bisogna andare oltre un certo limite. I video giochi possono diventare come le feste, le uscite con gli amici, tutte quelle altre cose da fare che sai che ti porteranno dei guai a prescindere: ho capito quello che coach Fizdale vuole dire, che la cosa potrebbe diventare un problema. Ma io sono convinto che nessuno ha perso la testa dietro queste cose: giochiamo per divertirci, per alleviare lo stress dettato dalla competizione. Per me è un modo per distrarmi dalla routine della palestra e delle gare. Nessuno di noi resta sveglio fino alle tre di notte pur di continuare a giocare”. In effetti è lo stesso allenatore dei Knicks a spiegare come la scelta di restare a casa davanti la tv – piuttosto che in giro in una città che offre molte distrazioni – sia un modo per preservare le energie, soprattutto durante le trasferte: “Mi rendo conto che dal mio punto di vista questa è una generazione profondamente diversa: non sono dei ragazzi che una volta finito in palestra, escono e vanno in giro tutta la notte. I miei ragazzi non lo fanno, a differenza di quanto accadeva qualche tempo fa”. E lo stesso allenatore dei Knicks potrebbe diventare un grande appassionato: “Visto il successo che riscuote con i miei giocatori, dovrò provare anche io a giocare. Devo imparare a collegarmi, ma credo che Mitchell Robinson può insegnarmi come fare. È la scusa per potermi urlare contro di tutto, per una volta. Di poter vestire i panni dell’allenatore e spiegarmi come funziona”. Magari davanti a uno schermo i risultati potrebbero essere migliori di quelli raccolti sul parquet.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.