Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Boston e Hayward umiliano Golden State alla Oracle: peggior ko dell'era Kerr

NBA

Guidati dai 30 punti dell'ex Jazz i Celtics ritrovano per una serata armonia e gioco, mostrando al resto della lega tutto il loro potenziale. Per i californiani è la peggior sconfitta dal 29 novembre 2009, terzo ko interno fragoroso dopo quelli contro OKC (-28) e Milwaukee (-23)

I RISULTATI DELLA NOTTE

VIDEO. GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

Golden State Warriors-Boston Celtics 95-128

Gli Warriors, senza Klay Thompson, non segnano per i primi tre minuti e subiscono un parziale di 11-0 in apertura. Essendo i campioni in casa, non vanno certo al tappeto al primo turno e nel giro di un paio di minuti recuperano tutto lo svantaggio per poi vedere Boston allungare di nuovo con un ulteriore break di 9-2. Ma la notizia peggiore per i padroni di casa è l’ingresso in campo di Gordon Hayward: l’ex All-Star di Utah è in una di quelle serate in cui non sbaglia praticamente nulla, collezionando 19 punti in 15 minuti nel solo primo tempo con 7/8 al tiro. I Celtics trascinati dal loro n°20 si ritrovano così in vantaggio di 25 punti all’intervallo, uno scarto che eguaglia il secondo più alto di sempre subìto dagli Warriors sotto coach Kerr e il peggiore tra le mura amiche addirittura dal marzo 2017 (e da una gara contro i Mavericks). Nel 73-48 con cui le squadre vanno all’intervallo ci sono anche i 13 punti di Kyrie Irving, mentre Golden State non segna un canestro dal campo negli ultimi 3:53 del primo tempo e solo Steph Curry (che chiude la prima metà di gara a quota 19) sembra voler far qualcosa per impedire un’imbarazzante figura di fronte ai tifosi della Baia. È di Curry non a caso anche il primo canestro del terzo quarto, quando gli Warriors nel giro di due minuti e mezzo scarsi piazzano un parziale di 11-3 che li riporta a -17 con ancora più di 16 minuti da giocare prima della sirena finale. Boston però non alza le mani dal manubrio prima dell’arrivo ed è brava a tornare immediatamente in controllo della gara, riportandosi fuori portata fino al +33 finale che segna la peggior sconfitta interna degli Warriors dal 2014-15, da quando cioè Steve Kerr è al timone della squadra (quest’anno era già arrivate brutte sconfitte casalinghe come il – 28 incassato contro Oklahoma City e il -23 subìto dai Bucks, ma i Celtics stabiliscono un nuovo record negativo per i campioni in carica). Il protagonista ovviamente è Gordon Hayward che chiude con 30 punti e 12/16 al tiro compreso anche un ottimo 4/6 da tre, ma coach Stevens ha anche 19 punti, 11 assist e 5 rimbalzi da Kyrie Irving, 18 da Jaylen Brown e 17 da Jayson Tatum. “Abbiamo parlato tanto, io per primo –  afferma Kyrie Irving appena suonata la sirena finale – era ora che traducessimo tutte le nostre parole in campo. Ovviamente è stata la serata di Gordon Hayward, uno a cui, proprio come me, non manca la fiducia in sé (“Siamo nati nello stesso giorno – confida Irving – forse anche per questo lo capisco meglio di chiunque altro”) ma è bello vedere la squadra giocare assieme, ognuno per gli altri, godendosi il successo dei propri compagni”. Quello che è mancato fin qui in questa stagione a Boston, che contro Golden State invece sembra ritrovare per una serata gli ingredienti per essere una grande squadra. Curry a quota 23 e Kevin Durant a 18 sono gli unici due Warriors che giocano al loro livello, con DeMarcus Cousins unico altro giocatore in doppia cifra ma protagonista di una serata davvero difficile, chiusa con solo 4/12 al tiro (e 0/5 dalla lunga distanza), 5 falli e anche un tecnico per un accenno di rissa. I numeri che di solito contraddistinguono la squadra di coach Kerr – ottime percentuali al tiro e grande circolazione di palla – sono invece quelli messi a referto da Boston, che chiude con il 51% al tiro, oltre il 41% da tre (e anche 16/17 ai liberi) e soprattutto con 38 assist di squadra sui 49 canestri effettuati. Una serata magica, che ora in casa Celtics sono chiamati a replicare con più costanza, per poter tornare protagonisti nel finale di stagione. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.