Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, D'Angelo Russell non ha dubbi: "Sono io il giocatore più migliorato”

NBA

In lotta per un posto ai playoff (con la sesta testa di serie a Est?), appena convocato al suo primo All-Star Game, ai massimi in carriera per punti, assist e percentuali al tiro, la point guard dei Nets mette nel mirino uno dei premi stagionali NBA

"D'ANGEROUS TIMES": LA RINASCITA DI RUSSELL A BROOKLYN

C’è chi dice De’Aaron Fox, a Sacramento (o il suo compagno Buddy Hield). Chi dice Zach LaVine ai Bulls. Chi è convinto che alla fine vincerà Pascal Siakam a Toronto, e chi vorrebbe premiare il ritorno ad alti livelli di Derrick Rose, a Minnesota. D’Angelo Russell i nomi dei principali candidati al premio di giocatore più migliorato li ha sentiti tutti, ma resta convinto delle sue possibilità: “Lo vinco io. Vedrete. Scrivetelo, registrate le mie parole. Non mi importa degli altri nomi sulla lista dei candidati: alla fine vincerò io”. Motivi ce ne sarebbero: Russell segna 5 punti in più di media rispetto alla prima annata in maglia Nets e sta viaggiando ai massimi di carriera per punti (sopra i 20 a sera) e assist (quasi 5), oltre che per ogni percentuale al tiro, dal campo (il 43.6%), da tre (il 36.6%) e ai liberi (83.3%), tanto da meritarsi la sua prima convocazione all’All-Star Game. Notte e giorno rispetto al suo complicato addio a Los Angeles, segnato dalle polemiche in spogliatoio con il compagno Nick Young da una parte e dalle parole di Magic Johnson dall’altra. “Sono un leader”, afferma lui oggi quasi a voler smentire proprio l’ex n°32 dello Showtime targato Lakers. “Quel ragazzo che è arrivato nelle vene col ghiaccio nelle vene sono io, lo sono sempre stato. Fa parte del giocatore che voglio essere, uno su cui si può contare quando il punteggio è in equilibrio e la partita si deve decidere”. Se a L.A. i suoi primi due anni nella lega non sono stati facili, anche a Brooklyn all’inizio ci sono stati momenti complicati, soprattutto quando coach Atkinson sembrava togliere sistematicamente dal campo Russell proprio nei finali di partita che oggi invece ha imparato a dominare. “Spesso gli venivano preferiti Caris [LeVert] o Spencere [Dinwiddie] e per lui non dev’essere stato facile da accettare – commenta il veterano dello spogliatoio Nets Jared Dudley – ma bisogna riconoscere che è stato bravissimo a non mollare. È sempre tra i più attivi in sala video, fa tutte quelle piccole cose che servono: oggi ci sta guidando ai playoff, con la sesta testa di serie, segnando i canestri più importanti”. Russell ha una spiegazione per questa metamorfosi: “È tutto un processo mentale. Le cose più importanti sono quelle che la gente non vede da fuori: l’alimentazione e altri dettagli del genere. Quando sono arrivato qui scendevo in campo, giocavo e facevo poca attenzione a tutto il resto. Qui ho imparato a curare ogni minimo dettaglio. La fiducia non mi è mai mancata, ma non ho mai creduto in me così tanto come oggi”. 

I consigli di LeBron James e Dwyane Wade

Merito forse anche dei consigli chiesti – e ricevuti – ad alcune grandi superstar della lega. In primis proprio LeBron James, che forse oggi lo rimpiange ai Lakers. “I media hanno gonfiato tutta la faccenda. Gli ho solo chiesto quali fossero i suoi segreti per mantenere un rendimento sempre così costante al livello più alto e anche come facesse a non farsi distrarre da tutto quello che gira attorno al basket. Mi ha parlato dell’aspetto mentale del gioco, mi ha detto che la sfida di giocare nella lega è proprio questa, andare incontro a ognuna delle 82 partite stagionali senza mollare mai. Gli sono grato per le sue parole”. Poi all’ultimo All-Star Game è stato il turno di Dwyane Wade, catturato anche dalle telecamere mentre indottrinava il giovane Russell. “Sembrava tutto organizzato a tavolino, vero?”, dice, riferendosi alle parole sentite dal pubblico di tutta America (“Sei uno dei più forti dell’intera lega”). “Invece no – assicura Russell – era tutto spontaneo, così come è vero tutto quello che vedete che mi riguarda, non sono uno che finge davanti alle telecamere. Quella conversazione con D-Wade era reale, un incoraggiamento del genere da uno come lui fa davvero piacere: ‘Qualsiasi cosa tu abbia fatto per arrivare a questo livello, continua a farla’, mi ha detto”. C’è il caso, se riuscirà a farlo, che il premio di giocatore più migliorato per la stagione 2018-19 finisca per essere realmente suo.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.