Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, risultati della sera: Miami quasi fuori dai PO, Charlotte vince e spera

NBA

I Raptors passano dopo un supplementare e quasi condannano i Miami Heat all’eliminazione dai playoff. Resta ancora in vita Charlotte, che vince a Detroit e ora deve sperare in un passo falso di chi li precede

WESTBROOK TRIPLA DOPPIA, OKC VINCE CON MINNESOTA

TORNA IN CAMPO BELINELLI, SPURS SUL VELLUTO

Toronto Raptors-Miami Heat 117-109 OT

Ora per Miami si fa davvero dura. Dopo le ultime tre sconfitte in fila, Dwyane Wade e compagni sono stati battuti anche nella partita sul campo dei Toronto Raptors, arrendendosi ai canadesi dopo un tempo supplementare. Nonostante i 21 punti di Wade e i 18 di James Johnson, ora gli Heat non possono fare altro che attendere perché il loro destino non è più nelle loro mani. Una vittoria di Brooklyn (impegnata a Indianapoli) li eliminerebbe quasi automaticamente dalla corsa a uno dei primi otto posti a Est, senza riuscire a dare a Wade un addio ai playoff come la sua carriera meriterebbe. A condannare gli Heat sono stati i 23 punti con 10 rimbalzi di Pascal Siakam (autore della tripla della staffa nell’ultimo minuto del supplementare), i 23 di Norman Powell (massimo in stagione pareggiato) e i 22 di Kawhi Leonard, oltre ai 21 di Danny Green di cui un terzo arrivati nell’overtime. Per una manciata di decimi, però, le cose sarebbero potute andare diversamente: sull’ultimo possesso dei regolamentari, Bam Adebayo è intervenuto su un errore di Johnson per correggere a canestro un rimbalzo offensivo, ma il pallone era ancora nelle sue mani al suono della sirena. Non è la prima volta che gli Heat perdono nei finali tirati: in questa stagione il loro record è di 21-24 nelle partite decise con uno scarto di cinque punti. Dettagli che a fine anno fanno la differenza, anche se non è ancora detta l’ultima parola.

Detroit Pistons-Charlotte Hornets 91-104

Se gli Charlotte Hornets riusciranno ad agganciare i playoff, la loro rimonta passerà alla storia come una delle più incredibili degli ultimi anni. E la vittoria sul campo dei Detroit Pistons, se tutto andrà per il meglio, sarà uno degli snodi chiave: gli ospiti hanno dominato a lungo, chiudendo il primo tempo con 18 lunghezze di vantaggio dopo aver toccato anche il +23. Dopo la celebrazione per la squadra da titolo del 2004, però, i Pistons sono tornati in campo e hanno cominciato a rosicchiare il vantaggio, riprendendo 10 punti nel solo terzo quarto e portandosi a contatto nella frazione finale grazie ai 20 punti di Ish Smith. Da lì in poi però le energie sono tornate a mancare, con gli Hornets che hanno chiuso i conti grazie a Kemba Walker (31 punti, 8 rimbalzi e 7 assist pur con 11/29 al tiro) e i 24 di Frank Kaminsky, giocatore chiave della rimonta in chiave playoff. Ora gli Hornets possono solo continuare a vincere e a sperare: c’è una sola partita di distanza da recuperare sempre ai Pistons, che però hanno due gare facili contro Memphis in casa e New York in trasferta. Più difficile il percorso per Charlotte, che affronterà Cleveland in trasferta e poi chiuderà in casa contro Orlando, anche lei impegnata nella corsa playoff a Est che è ancora viva soprattutto per gli sforzi degli Hornets.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.