Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA: Derrick White domina contro Denver, San Antonio avanti 2-1 nella serie

NBA

Il n°4 texano segna 36 punti nel successo dei nero-argento che riporta avanti gli Spurs nella serie: i Nuggets inseguono invano per tutto il secondo tempo e dovranno cercare di vincere a ogni costo la sfida di sabato a San Antonio 

CHI E' DERRICK WHITE

DURANT FA A PEZZI I CLIPPERS

SIXERS SCATENATI, L'ASSENZA DI EMBIID NON PESA

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

San Antonio Spurs-Denver Nuggets 118-108

Nella serie più combattuta ed equilibrata del primo turno playoff, spunta fuori un nuovo protagonista. Quello che dal nulla, o quasi, regala a San Antonio il secondo successo; il primo casalingo per i texani all’esordio in questi playoff all’AT&T Center. Derrick White gioca una gara al limite della perfezione, segna 26 punti nel primo tempo (terza prestazione all-time in maglia Spurs dietro i soli Tim Duncan e Tony Parker ai playoff) e 36 totali, ritoccando di molto a rialzo il suo massimo in carriera e mettendo alle corde in difesa quel Jamal Murray che in gara-2 era risultato decisivo nel finale. Dopo il quarto periodo da 21 punti che ha tenuto sostanzialmente in vita i Nuggets regalando alla squadra del Colorado un successo insperato, il n°27 di Denver si ferma a quota sei punti; altra grande vittoria difensiva nella partita di White, che tira 15/21 dal campo e aggiunge anche cinque rimbalzi, cinque assist e tre recuperi. Alla sirena finale il suo plus/minus in 33 minuti è di +30 in una gara vinta di dieci lunghezze: sì, non è un’esagerazione dire che gli Spurs l’hanno vinta grazie a lui. Tutto il quintetto dei nero-argento al suo fianco chiude in doppia cifra, con 25 punti di DeMar DeRozan e 18 con 11 rimbalzi di LaMarcus Aldridge. Dalla panchina il puntello è un Rudy Gay da 11 punti, mentre il nostro Marco Belinelli segna un paio di triple nei 17 minuti che coach Popovich gli concede. “Non è una questione di trucchi o espedienti mentali. Non ho fatto nessun test psicologico prima della gara o provocazione. È il loro lavoro: sono pagati per scendere in campo e giocare al meglio, cercando in tutti i modi di vincere. Sia noi che i Nuggets, è uno sport basato sulla competizione: questo è l’unico schema mentale che conosco. Non è molto difficile da immaginare”. Sì, soprattutto dopo una vittoria così importante, meglio lasciare in pace il più possibile coach Popovich.

Adesso tocca a Denver rispondere colpo su colpo

Dall’altra parte, dopo meno di una settimana di playoff, i Nuggets si ritrovano già con le spalle al muro. “Non ho alcun dubbio nell’affermare che Derrick White, negli ultimi due giorni, si sarà più volte fermato a ragionare sulla performance di Murray nel quarto periodo di gara-2 – sottolinea coach Malone – è sceso in campo affamato come se non avesse mangiato più nulla nelle ultime 48 ore. Era scatenato e ha lanciato un messaggio molto chiaro sin dalla palla a due. Adesso sono ansioso di vedere come reagiranno i nostri ragazzi, come risponderanno a questo secondo colpo subito”. Il migliore, almeno in attacco, è come sempre Nikola Jokic – autore di 22 punti, otto rimbalzi e sette assist. “Loro sono stati molto abili nell’attaccare l’area – sottolinea il lungo serbo, non in grado di limitare i 62 punti raccolti dagli Spurs nei pressi del canestro avversario – hanno continuato a banchettare nel pitturato. Non è soltanto un problema degli esterni che si sono fatti battere dal palleggio, ma anche dei lunghi che non hanno protetto bene il ferro. Dobbiamo imparare a essere più disciplinati e pazienti”. Il tempo però stringe e contro questi Spurs non è più concesso fare dei passi falsi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.