Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Houston-Utah Gara-5 100-93: la difesa dei Rockets chiude i conti sul 4-1

NBA

Houston protegge il suo vantaggio nell’ultimo minuto grazie alla difesa, tenendo gli avversari al 37% al tiro e al 24% da tre punti. I Rockets guidati dai 26 punti di James Harden eliminano i Jazz per il secondo anno in fila, con Donovan Mitchell disastroso con 4/22 al tiro

GALLINARI E WILLIAMS DA FAVOLA: L.A. NON MOLLA

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

La serie tra Houston e Utah ci lascia un’eredità importante per il proseguo dei playoff: questi Rockets sanno vincere anche in una serata storta del loro leader. Lo hanno dimostrato in gara-3 di questa serie e lo hanno anche stanotte, resistendo al tentativo disperato dei Jazz di riaprire la serie. Sia chiaro, James Harden ha chiuso comunque come miglior marcatore con 26 punti a referto, ma ha avuto bisogno di 26 tiri per riuscirci (segnandone solo 10) ed è andato in lunetta solo 5 volte in tutta la partita, complice l’ottima difesa di Utah. Quella di Houston, però, è stata semplicemente migliore, realizzando una doppia doppia in recuperi (12) e stoppate (12) che ai playoff non si vedeva dalle finali di conference del 1994, l’anno in cui i texani vinsero il loro primo titolo. Paradossalmente, Harden è stato più decisivo in difesa che in attacco, recuperando 3 palloni e stoppandone 4, l’ultimo dei quali strappando il pallone dalle mani di Rudy Gobert lanciato a schiacciare a 38 secondi dalla fine, procurandosi i due liberi che hanno messo due possessi di distanza tra le squadre. Insieme a lui anche le 4 stoppate di un preziosissimo PJ Tucker (8 punti e 9 rimbalzi) e altri tre compagni in doppia cifra, con Clint Capela a quota 16+10 e i 15 a testa di Chris Paul e Eric Gordon. Così i Rockets, pur senza entusiasmare in attacco — Harden ha cominciato la gara con 1/12 al tiro prima di rimettersi in carreggiata con 9/14 nel resto della gara —, si sono aggrappati alla loro difesa per chiudere la serie, tenendo gli avversari al 37% dal campo e il 24% da tre punti (9/38). Servirà lo stesso tipo di intensità fisica e mentale — e forse anche qualcosa in più — anche al prossimo turno, come sottolineato anche da coach Mike D’Antoni.

Mitchell disastroso, Utah paga a caro prezzo

In un certo senso anche i Jazz si sono aggrappati alla loro difesa per rimanere a contatto fino alla fine, visto che comunque erano arrivati all’ultimo minuto di gioco con un solo punto di svantaggio nei confronti dei padroni di casa. Lì è mancato quello spunto necessario per battere una squadra come i Rockets sul proprio campo, complice una serata disastrosa di Donovan Mitchell. La giovane stella dei Jazz ha chiuso con 4/22 al tiro per soli 12 punti, sbagliando tutte le nove conclusioni da tre tentate (l’ultima delle quali avrebbe dato il -2 ai suoi a 30 secondi dalla fine) e perdendo cinque palloni. Una prestazione decisamente peggiore rispetto a quella realizzata in gara-4 che sembrava aver fatto svoltare la sua serie: “Sono deluso, ma sarò un giocatore migliore” ha detto dopo la partita, mentre il suo allenatore Quin Snyder ha sottolineato i meriti degli avversari: “Sono una squadra molto cerebrale e sanno trovare i punti deboli nella tua difesa”. Ai Jazz non sono bastati i 18 punti di Royce O’Neale, i 17 con 11 assist di Ricky Rubio (che potrebbe aver giocato la sua ultima partita con Utah, visto che sarà free agent) e i 15 di Jae Crowder, mentre Joe Ingles ha chiuso con 11 e 9 assist. Si conclude così la stagione dei Jazz, che per il secondo anno in fila vengono eliminati per 4-1 dai Rockets: avessero avuto un accoppiamento migliore avrebbero potuto probabilmente raggiungere il secondo turno come successo lo scorso anno, ma questa è la storia dei playoff NBA. Ci riproveranno il prossimo anno contando sulla crescita di Mitchell e Gobert, ma servirà anche un cast di tiratori migliori per diversificare il profilo offensivo della squadra.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.