Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, spavento a Boston per un leggero infarto a Danny Ainge

NBA

Il presidente delle Basketball Operations dei Celtics ha subìto un leggero infarto prima di gara-2, a Milwaukee. Le sue condizioni però non preoccupano: "Si riposa e sta meglio, a breve può far ritorno a Boston"

BOSTON, CHE DISASTRO KYRIE IRVING IN GARA-2

Dopo aver visto i suoi Celtics vincere con grande autorità gara-1 a Milwaukee, Danny Ainge era pronto a gustarsi il secondo episodio della serie al Fiserv Forum: non molto prima della palla a due, però, il 60enne presidente delle Basketball Operations di Boston ha subìto quello che è stato definito “un leggero attacco cardiaco”, tenuto all’oscuro ai giocatori della squadra di lì a pochi minuti impegnati in campo. Soccorso immediatamente, le condizioni dell’ex n°44 dei Celtics sono immediatamente migliorate e il dirigente biancoverde è atteso a un completo recupero: “Sta riposandosi, si sente meglio”, ha fatto sapere coach Brad Stevens, in costante comunicazione con la famiglia di Ainge. “Ovviamente ci siamo spaventati ma Danny ha avuto attorno a sé le persone giuste, per cui ci si aspetta torni presto in forma. Alla fine è andata bene, ma la notizia è stata sicuramente spaventosa”. Anche perché non si tratta della prima volta: già nell’aprile del 2009 Ainge aveva subìto un infarto che lo aveva portato sotto i ferri, per l’inserimento di uno stent a favorire la circolazione del sangue nell’arteria bloccata, dovendo restare in ospedale per diversi giorni. Pronto sono arrivate le reazioni di alcuni dei suoi giocatori, ovviamente vicini al loro dirigente: “Quello che è successo è ovviamente più importante di qualsiasi partita che stiamo giocando”, ha immediatamente commentato Jayson Tatum. “Ora sta meglio e sono certo che ci vuol vedere scendere in campo e dare tutto in gara-3, una partita importante per noi ma anche per lui e per tutta l’organizzazione”. “Danny è una di quelle persone che trova sempre il tempo, anche nelle sue giornate super impegnate, per ritagliarsi 10 minuti e chiederti come stai, sapere come va”, gli fa eco Marcus Smart, ancora costretto ai box anche per la terza gara della serie. “Per me è un mentore, la persona che fin dal primo giorno in cui sono arrivato qui a Boston ci è sempre stato: ha significato tanto per me e per la mia famiglia. Gli auguro davvero un recupero immediato”. Magari dedicandogli una vittoria in gara-3, che porterebbe i suoi Celtics più vicini alla finale di conference e al sogno di poter tornare a giocare per il titolo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.