Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Houston 0-2 e spalle al muro: dove devono migliorare i Rockets in gara-3

NBA

Limitare i rimbalzi offensivi dei Rockets, proteggendo il proprio tabellone; fare attenzione alle palle perse; evitare l'ennesima partenza lenta. La ricetta di Houston per vincere gara-3 e riaprire la serie parte da qui | Stanotte LIVE alle 2.30 su Sky Sport NBA

GOLDEN STATE-HOUSTON: IL RIASSUNTO DELLA SERIE

James Harden lo sa, i suoi Houston Rockets sono sotto 0-2, la terza gara della serie – la prima in Texas – è già una gara senza domani, perché sprofondare sotto di tre partite contro i bi-campioni in carica significa dare un sostanziale addio a ogni speranza di passaggio del turno. Però James Harden sa anche contare, e i parziali quarto-per-quarto della serie non gli sono passati inosservati: in gara-1 gli Warriors hanno vinto primo e terzo periodo, i Rockets il secondo e il quarto; in gara-2 Golden State ha avuto la meglio soltanto nel primo. Eppure il punteggio è 2-0 a favore dei californiani, e suggerisce una distanza tra le due squadre che il n°13 dei Rockets non vede così grande. E neppure il loro allenatore, Mike D’Antoni: “Abbiamo avuto una chance di vincere entrambe le gare – dice – ma invece le abbiamo perse per un motivo molto semplice: loro tirano di più a canestro di noi”. Nel dettaglio: 166 tiri per Golden State, 151 per Houston, 83 a sera contro 75.5 dei suoi: “Vincere concedendogli 14 tiri extra non è fattibile”. La conseguenza di un dato del genere è quella che sottolinea D’Antoni (più tiri, più possibilità di far canestro), ma per la causa bisogna invece guardare altrove, e in particolare sotto i tabelloni: sono i rimbalzi che stanno penalizzando i Rockets. In generale gli Warriors ne prendono 8 di più a partita (41.5 contro 33.5 di media) e se in gara-1 Draymond Green e compagni hanno catturato più del doppio dei rimbalzi offensivi disponibili (solo 3 quelli dei Rockets su 43 tiri sbagliati, 14-4 il conto dei punti da seconde opportunità in favore della squadra di coach Kerr), nel secondo episodio della serie sono stati ben 18 i rimbalzi d’attacco di Golden State (contro i 10 di Houston). Un problema ben conosciuto in Texas, visto che i Rockets hanno chiuso la stagione regolare al penultimo posto in tutta la lega per percentuale di rimbalzi difensivi assicurati (solo il 70%, meno di 32 a sera), facendo meglio solo dei Phoenix Suns.

Le palle perse

Se la facilità di andare a rimbalzo offensivo degli Warriors (e la correlata incapacità a proteggere il proprio tabellone dei Rockets) è uno dei grandi problemi della squadra di coach D’Antoni, un altro si chiama palle perse. Ben 18 quelle concesse in gara-2 (per 24 punti regalati a Golden State), 14 anche in gara-1 (ma gli avversari hanno fatto peggio con 20): in generale nei playoff sono quasi 16 a sera, il secondo dato più alto di tutte le sedici squadre chiamate a giocare da metà aprile in poi – solo Philadelphia fa peggio. E lo stesso si può dire dei punti concessi da palle perse: sono 18.6 quelli che i Rockets regalano agli avversari in postseason, poco meno (17) quelli lasciati a Golden State.

Le partenze lente

Parte della differenza – evidente nel punteggio della serie – tra le due squadre sta qui, ma parte anche nelle partenze tutt’altro che irresistibili di Harden, Paul e compagni. Il parziale sulle due gare dei primi dodici minuti vede infatti 57 punti a tabellone per Golden State contro i soli 39 di Houston: il net rating è stato di -35.8 nel primo quarto di gara-1 e di -33.9 in gara-2 (nessuna tra le otto squadre ancora in corsa nei playoff sta iniziando peggio le proprie partite). In gara-3 le cose devono cambiare, e lo sa bene Clint Capela: “Dobbiamo imporre noi l’intensità che vogliamo. Dobbiamo fermare il loro attacco, segnare canestri facili, correre in contropiede”. Partenze così lente hanno condannato i Rockets a inseguire per tutta gara-2 (non sono mai stati in vantaggio) e per 44 dei 48 minuti di gara-1. Un lusso che i texani non possono certamente permettersi in gara-3, quella che potrebbe già decidere i destini della loro stagione: da seguire live, a partire dalle 2.30, stanotte su Sky Sport NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.