Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Jokic-Murray trascinano Denver in gara-4: 2-2 nella serie con Portland

NBA

La seconda tripla doppia consecutiva di Jokic - a meno di 48 ore dai 65 minuti giocati nella sfida persa dopo quattro OT - e i 34 punti di Murray regalano ai Nuggets un successo fondamentale: i Blazers perdono il fattore campo e la prima partita in casa di questi playoff

LEONARD TRASCINA TORONTO: PHILADELPHIA VA KO IN CASA

I PAPERONI NBA: CHI HA GUADAGNATO DI PIU' NEL 2018/19

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Portland Trail Blazers-Denver Nuggets 112-116

I Nuggets sono stati abili nel corso di tutta la stagione a riportarsi immediatamente in carreggiata, anche dopo un brutto colpo, e in gara-4 contro Portland hanno dimostrato ancora una volta di avere energie e risorse insospettabili. Denver infatti è più lucida dei padroni di casa a meno di 48 ore di distanza dalla partita persa dopo quattro overtime al Moda Center, scaltra anche quando si è trattato di amministrare il vantaggio nei possessi finali di gara. Nikola Jokic è ancora una volta il protagonista: 21 punti, 12 rimbalzi e 11 assist – seconda tripla doppia consecutiva, quarta in questi playoff (che sarebbero i primi disputati nella sua carriera, ma visto il livello di consapevolezza e maturità non si direbbe). Al suo fianco Jamal Murray, autore di 34 punti – miglior realizzatore del match – e soprattutto di 11 tentativi a cronometro fermo; quelli che negli ultimi minuti di match servono ai Nuggets per fissare il paio di possessi di vantaggio e tenerli al riparo dal furioso ritorno dei Blazers. “Siamo un gruppo competitivo – sottolinea il lungo serbo – pieno di ragazzi che non hanno alcuna voglia di perdere. Credo che la repulsione nei confronti della sconfitta sia una spinta addirittura maggiore rispetto a quella di conquistare il successo – so che sembra assurdo come ragionamento. Non volevamo darci un alibi, dire che la sconfitta fosse figlia della stanchezza e dei quattro overtime. Non è nella nostra natura”. Denver così riporta in parità sul 2-2 la serie, conquistando nuovamente il fattore campo e condannando Portland a vincere almeno un'altra gara al Pepsi Center. “Una serie al meglio delle tre”, l’ha definita Terry Stotts. Una settimana lunghissima, in cui imparare a centellinare ogni minimo sforzo.

A Portland non bastano i 57 punti del duo Lillard-McCollum

Per Portland invece è un’enorme occasione persa, la chance di chiudere virtualmente i conti approfittando della stanchezza che certamente ha messo alle corde anche i Blazers. La coppia McCollum-Lillard fa il suo, con il primo autore di 29 punti con 4/8 dall’arco, il 50% complessivo dal campo e cinque rimbalzi. Un punto in meno a referto per il n°0, beniamino di casa che distribuisce sette assist e che nel finale non riesce a piazzare la zampata. Resta in campo per 29 minuti anche Enes Kanter, nonostante la spalla malconcia e claudicante, che ne condiziona l’impatto soprattutto offensivo, limitato a soli cinque punti con cinque tiri, nonostante i dieci rimbalzi facciano comodo ai Blazers. “Siamo chiaramente delusi dal risultato: potevano essere 3-1 adesso, approfittando dei momenti positivi della gara per mettere una seria ipoteca sulla serie. Loro però sono un’ottima squadra e hanno giocato al meglio delle loro possibilità. Noi no, soprattutto a inizio ripresa”, sottolinea coach Stotts. Il match infatti cambia il suo corso nel terzo quarto, quando Denver piazza il parziale da 27-14 nella frazione dopo l’intervallo lungo e conserva poi un minimo di margine fino alla sirena. Per Portland è il primo ko casalingo in questi playoff, in cui l’equilibrio continua a essere una delle poche costanti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.