Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Toronto-Milwaukee Gara-4 120-102: i Raptors travolgono i Bucks, è 2-2

NBA

I canadesi pareggiano la serie contro i Milwaukee Bucks con una grande prova corale, a partire dai 25 punti di Lowry, i 19 di Leonard e i 17 di Gasol. Decisivo il trio Powell-Ibaka-VanVleet dalla panchina, autore di 48 punti contro i 23 delle riserve di Milwaukee. Per i Bucks ci sono solo i 30 di Middleton e i 25 di Antetokounmpo

KAWHI SCHIACCIA IN TESTA A GIANNIS E SI FA MALE: VIDEO

TORONTO, LA PANCHINA FA LA DIFFERENZA IN GARA-4

IL TABELLINO

Fino a questo momento la serie tra Toronto Raptors e Milwaukee Bucks è stata equamente divisa: una partita tirata vinta da ciascuna delle due squadre e una partita a testa in cui una travolge l’altra. Nella seconda categoria ricade gara-4, che i canadesi hanno controllato dal secondo quarto in poi, chiudendo la prima frazione avanti di 10 lunghezze e toccando anche il +20 nell’ultimo quarto prima che i due allenatori decidessero di svuotare le panchine. Una prova di forza impressionante che nasce soprattutto dalla metà campo difensiva, dove i Raptors sembrano aver trovato il modo di rallentare i Bucks specialmente in transizione, concedendo loro solo 13 punti in contropiede e costringendoli a fare i conti con i loro problemi nell’attacco a metà campo. In attacco, invece, i Raptors sono riusciti a mandare ben sei giocatori in doppia cifra: ma se da Kyle Lowry (25 punti, 5 rimbalzi e 6 assist), Kawhi Leonard (19 pur facendo i conti con una gamba non in perfette condizioni) e Marc Gasol (17 con 7 assist e 3/6 da tre punti) un contributo del genere è atteso, sono stati i 48 punti del trio formato da Norman Powell (18), Serge Ibaka (17+13) e Fred VanVleet (13 con 5/6 al tiro dopo il 4/20 delle prime tre gare) a fare la differenza, come testimonia il loro plus-minus (rispettivamente +29, +24 e +25). Il loro parziale di 10-3 in apertura di ultima frazione ha permetto di trasformare il vantaggio di 13 lunghezze con cui avevano chiuso il terzo quarto in un comodo +20, mantenuto senza affanni fino al termine della partita che vale il pareggio nella serie e assicura almeno un’altra partita in Canada a Kawhi Leonard e soci.

Giannis e Middleton non bastano, sparito il supporting cast dei Bucks

Per i Bucks si tratta solamente della seconda occasione in tutta la stagione in cui raccolgono due sconfitte in fila, dopo che nella regular season era successo solo il 2 e il 4 marzo in trasferta tra Salt Lake City e Phoenix. A differenza di gara-3, questa volta Giannis Antetokounmpo ha fatto il suo (25 punti, 10 rimbalzi e 5 assist) e ancora meglio ha fatto un ritrovato Khris Middleton (30 con 6 rimbalzi, 7 assist e 11/15 al tiro), ma sono mancati tutti i loro compagni che hanno tirato complessivamente con il 35%. L’unico a toccare la doppia cifra è stato Nikola Mirotic con 11 (ma 2/8 dalla lunga distanza), mentre i vari Brook Lopez (8), Eric Bledsoe (5) e Malcolm Brogdon (4) sono incappati contemporaneamente nelle loro peggiori prestazioni dei playoff. Inevitabile allora che dopo aver toccato il massimo vantaggio sul +7 nel primo quarto i Bucks siano progressivamente spariti dal campo, ritornando al massimo a -7 nel corso della ripresa ma senza riuscire a resistere alla panchina dei canadesi, che ha segnato ben 25 punti in più rispetto alle riserve dei Bucks. A Milwaukee nella notte tra giovedì e venerdì ci sarà bisogno di tornare ai livelli visti nei primi due episodi della serie, ritrovando quel ritmo offensivo che ha contraddistinto la loro stagione: il vantaggio del fattore campo è ancora nelle mani dei Bucks, ma le Finali NBA sono ancora a due vittorie di distanza.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.