Please select your default edition
Your default site has been set

Finals NBA, DeMar DeRozan: "Il mio sacrificio ha portato Toronto in finale"

NBA

Scaricato la scorsa estate a San Antonio per arrivare a Kawhi Leonard, il n°10 degli Spurs è stato la pedina di scambio che ha permesso a Toronto di costruire una squadra da titolo: "Senza gli sforzi fatti negli anni passati, i Raptors non sarebbero così in alto" 

TORONTO E LA DIFESA BOX-AND-ONE

LEONARD FA CAUSA ALLA NIKE

Tra i tanti vincitori della splendida cavalcata che ha portato i Raptors in finale NBA, c’è di sicuro almeno uno sconfitto. O quantomeno un giocatore che è sceso dal treno lanciato verso il successo proprio nel momento in cui i canadesi hanno iniziato a fare sul serio. DeMar DeRozan, simbolo di Toronto per un decennio, è stato scaricato la scorsa estate senza troppo riguardo e considerazione agli Spurs pur di arrivare a Kawhi Leonard. Una mossa vincente, visti i risultati sul parquet, che ha messo il n°10 nero argento di fronte a delle responsabilità che non pensava di avere. Una squadra alla quale è sempre mancato qualcosa ha definitivamente spiccato il volo senza di lui. “Sono io il problema?”: questa la domanda ronzata a lungo nella testa di DeRozan, che nelle scorse ore ha parlato della cavalcata dei suoi ex compagni e del suo amico Kyle Lowry verso il titolo NBA. Lui è stato “l’agnello sacrificale” che ha permesso ai Raptors di cambiare marcia: “In tutta onestà, non credo di aver mai detto una frase del genere – probabilmente ne avrò discusso in maniera confidenziale nel mio stretto giro di amicizie – ma sono sicuro che se non ci fossero stati gli anni passati e il lavoro sul campo che anche io ho fatto a Toronto, nessuna delle cose che si stanno verificando adesso sul parquet sarebbero state possibili. Mi sono sacrificato, ho lottato, ho superato i miei limiti fino a ritrovarmi a essere l’agnello sacrificale. In casi come questi bisogna fermarsi un attimo e comprendere che, nonostante tutto, tu sei la ragione per cui tante cose sono diventate possibili”. Nonostante a San Antonio le cose siano andate per il meglio, il n°10 degli Spurs non ha mai del tutto digerito la scelta fatta dai canadesi: “I Raptors hanno pensato che fosse giunto il momento di capire cosa fare per compiere un ulteriore passo in avanti”. A prescindere dalla sua esclusione infatti, il valore di Leonard non può di certo essere messo in discussione.

Il supporto nei confronti di Lowry e del resto del gruppo

“Brucia ancora un bel po’”, ammette durante l’intervista DeRozan. “Per me Toronto era diventata una seconda casa: sono stato scelto dai Raptors quando avevo 19 e sono rimasto in squadra fino a – quanti anni avevo, 28? Tutto ciò che ho imparato a fare sul parquet lo devo a quello che ho fatto con la franchigia canadese. Tutto quello che ho ottenuto è stato grazie a loro. Quindi, lasciarmi andare così, quando meno me lo aspettavo, mi ha colto alla sprovvista. In fondo siamo umani, proviamo dei sentimenti e una cosa del genere ti colpisce”. Deluso sì, ma senza provare rancore nei confronti del gruppo che si è lasciato alle spalle: in modo particolare con Lowry, definito più volte il suo miglior amico e colui che più di tutti merita di portare un titolo NBA a casa. “Continuo a fare il tifo e a spingere il mio amico a fare del suo meglio, a cercare di raggiungere un obiettivo che abbiamo inseguito insieme per tutti questi anni e lui finalmente ha l’opportunità di riuscire a completare l’opera. Continuo a sostenere e a dare il mio supporto tutti i ragazzi del gruppo”.

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.