NBA, Shaun Livingston, le parole degli Warriors e di Steph Curry: "Un vero guerriero"

NBA

Da Bob Myers a Steve Kerr fino a Steph Curry, gli Warriors hanno voluto commentare sui social l'addio al basket di Livingston. E non sono mancate le parole di affetto di tanti avversari

SHAUN LIVINGSTON ANNUNCIA IL RITIRO

L’annuncio di Shaun Livingston non ha lasciato indifferenti tanti membri di quella che negli ultimi 5 anni il giocatore ha chiamato la propria famiglia, i Golden State Warriors. L’addio ai parquet NBA del n°34 dei californiani è stato commentato ufficialmente dalla franchigia con un comunicato in cui a parlare a nome di tutti è il gm della squadra, Bob Myers: “La storia di Shaun Livingston è una delle più aspirazionali nella storia dello sport professionistico. Quello che è riuscito a fare dopo così tante sfide e tribolazioni è la dimostrazione di che tipo di persona sia, sempre caratterizzata da un’incredibile classe, grazia e e professionalità. Incarna e rappresenta tutto quello che si può volere per un’atleta professionista e, ancora di più, per un essere umano. Gli siamo grati di quello che ha fatto per la nostra organizzazione negli ultimi 5 anni, diventando tre volte campione NBA e un pezzo chiave di una delle squadre più forti di sempre. Gli auguriamo il meglio ora che inizia una nuova fase della sua vita”. Sulla stessa falsariga anche il messaggio affidato a Twitter dal capo allenatore Steve Kerr: “È difficile esprimere la mia gratitudine per aver potuto allenare questo ragazzo negli ultimi 5 anni. Una straordinaria combinazione di talento, grazie e carattere. Mi mancherà la sua leadership silenziosa, la sua presenza, i suoi assist e i suoi canestri in svitamento dal posto. Ti auguro solo il meglio per il futuro!”. Tra i suoi compagni di squadra, con cui ha disputato le ultime 5 finali NBA, vincendone tre e perdendone due, è stato Steph Curry a farsi portavoce per tutti: “Nessuna parola riuscirà a esprimere il mio apprezzamento per questo ragazzo e per quello che ha significato per me e per il successo di questa franchigia. La definizione del GUERRIERO! Ti voglio bene fratello e ti invio i miei migliori auguri per il prossimo capitolo della tua vita! Goditelo”, ha scritto il n°30 degli Warriors sul suo profilo Instagram. Anche un ex compagno come Zaza Pachulia ha lasciato un messaggio: “Un’autentica ispirazione, un vero professionista e un tre volte campione NBA. Ho imparato molto da te, fratello. Congratulazioni e buona fortuna”, le parole del lungo georgiano.

Da Bradley Beal a Lou Williams, la NBA saluta “S. Dot”

Ma non sono mancati neppure i messaggi di ammirazione e commiato da parte di alcuni avversari: Evan Turner, ad esempio, che su Twitter lo saluta apostrofandolo come “mio fratello, mio amico”, o anche un grande veterano della lega come Lou Williams: “La prima canotta NBA che ho comprato con i miei soldi è stata la tua. Complimenti campioni!!!”. Ma pure tra le generazioni più giovani, l’esempio di Shaun Livingston ha lasciato il segno, come dimostra il tweet di Bradley Beal, la guardia di Washington che scrive: “S. Dot! È stato un piacere, amico mio!”. Un piacere condiviso dai tifosi e dagli appassionati di pallacanestro di tutto il mondo.

I più letti