Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, coach Popovich: "Vergognarci per l'oro mancato? È ridicolo. Immaturo. E arrogante"

NBA

L'allenatore che ha guidato Team USA al peggior piazzamento di sempre (7°) in una competizione mondiale rimanda con veemenza al mittente le critiche alla sua squadra. "Grande sforzo: bisogna solo dare credito agli avversari"

BATTUTA LA POLONIA, TEAM USA CHIUDE AL 7° POSTO

La vittoria contro la Polonia non rende (ovviamente) felici nessuno, serve solo per dare un risultato finale alla spedizione USA ai Mondiali cinesi: settimi. E il settimo posto – è stato detto e ripetuto all’infinito negli ultimi giorni – è il peggior risultato di sempre in un mondiale. Sono seguite diverse critiche, a squadra e coaching staff, ma è proprio Gregg Popovich, all’esordio sulla panchina USA nel ruolo di capo allenatore, a rispedirle decisamente al mittente: “Vogliono giocare a dare le colpe, ma non c’è assolutamente della colpa da assegnare”, dice l’allenatore di San Antonio. “Dovremmo vergognarci per non aver vinto l’oro? È un modo di pensare assolutamente ridicolo. Immaturo. Arrogante. Chiunque la pensi così non rispetta il valore delle altre squadre nel panorama mondiale e il lavoro fatto dai nostri ragazzi, che si sono impegnati al massimo”. Tanto si è detto e scritto della lunga litania di rifiuti alla convocazione mondiale – ben 31 dei 35 giocatori individuati inizialmente non hanno fatto parte della spedizione cinese – che ha lasciato in mano a Popovich un roster con soltanto due All-Star NBA (Kemba Walker e Khris Middleton). Poi ci sono stati anche alcuni infortuni (Jayson Tatum fuori per 6 delle 8 gare disputate, Marcus Smart assente in altre tre). Ma non è aggrappandosi a certe scuse che coach Pop vuole difendere il suo gruppo di giocatori: “Lo sforzo messo in campo è stato fantastico – dice – ci hanno permesso di allenarli. Bisogna semplicemente dar credito agli avversari, tutto qui. Non ci sono colpe, non c’è niente da vergognarsi. È ridicolo anche solo pensarlo”. Come assurdo, sostiene Popovich, è pensare già alle future rivincite, a partire da Tokyo 2020: “Mancano ancora 10 mesi, non ha neppure senso pensarci”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche