Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, nasce la "Wall of Honor" dei Cavs: ma nei primi 5 nomi manca quello di LeBron James

NBA

L'ex n°23 dei Cavs, che nel 2016 ha dato alla franchigia del suo stato natale il primo titolo della propria storia, non può essere ancora eleggibile per un criterio temporale: Wayne Embry, Bill Fitch, Nick Mileti, John Johnson e John “Hot Rod” Williams i primi 5 eletti

DA LEBRON A WADE, IL RICORDO DELLA VOCE DEI CAVS

Il concetto non è una novità, ma prende spunto da realtà simili già presenti in altre franchigie (si pensi al Ring of Honor dei Phoenix Suns, ad esempio): una franchigia vuole rendere onore ai membri più illustri della loro storia e costruisce così una sorta di hall of fame di squadra in cui introdurre i nomi più importanti del proprio passato. Il prossimo 17 novembre, in occasione della gara interna contro i Philadelphia 76ers, i Cleveland Cavaliers inaugureranno il proprio Wall of Honor, annunciando i primi cinque nomi di chi “ha contribuito in maniera significativa all’organizzazione, svolgendo un ruolo fondamentale nella storia della franchigia”. Una descrizione che – parlando dei Cavs – porta dritto a un nome prima di tutti, quello di LeBron James, che nella sua prima incarnazione con la maglia di Cleveland ha contribuito a mettere sulla mappa NBA la franchigia e che poi è tornato in Ohio per regalare nel 2016 il primo e unico titolo NBA della sua storia. Invece il nome di LeBron James non appare nella lista dei primi 5 personaggi che saranno onorati il 17 novembre prossimo – ma c’è un perché. Ogni candidato deve aver fatto parte dell’organizzazione dei Cavs per almeno due anni ma deve essersi ritirato (o aver smesso di lavorare) da almeno 5 stagioni, condizione quest’ultima che preclude quindi sia a “King” James che a Kyrie Irving (altro grande protagonista del titolo 2016) l’immediata elezione. I primi cinque nomi onorati dai Cavs saranno quindi quelli di Wayne Embry, Bill Fitch, Nick Mileti, John Johnson e John “Hot Rod” Williams (gli ultimi due sono venuti a mancare a un mese di distanza tra fine 2015 e inizio 2016). Accanto ai loro nomi, la Wall of Fame di Cleveland fin dal suo debutto riconoscerà – con degli speciali “mattoni” – i nomi degli otto personaggi che già vedono la propria maglia ritirata dalla franchigia, sette giocatori (Austin Carr, Brad Daugherty, Zydrunas Ilgauskas, Larry Nance Sr., Mark Price, Bobby “Bingo” Smith e Nate Thurmond) e il loro storico radiocronista Joe Tait. Anno dopo anno nomi nuovi verranno aggiunti al Wall of Fame targato Cavs, ed è ovviamente solo questione di tempo prima che il figlio prediletto di Akron, Ohio, trovi il suo posto tra i grandi della storia di Cleveland. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche