NBA, buon compleanno Drazen Petrovic: eroe indimenticabile & indimenticato

NBA

Oggi avrebbe compiuto 55 anni Drazen Petrovic, stella mai dimenticata della pallacanestro europea e mondiale, scomparso a soli 29 anni a causa di un incidente stradale nel pieno della sua carriera NBA. Un talento ancora attuale, un giocatore rimasto nell’immaginario di tutti gli appassionati di basket

A Brooklyn farebbe fatica a riconoscere l’arena. Il luogo, il nome, il logo. Tutto cambiato rispetto a quella sua avventura nel New Jersey con i Nets di inizio anni ’90 - non un’esperienza comune per un giocatore europeo all’epoca, ma un’eccezione riservata a chi dimostrava di essere nettamente più bravo degli altri. Drazen Petrovic quell’occasione NBA se l’era conquistata bruciando per un decennio le retine in Croazia, al Cibona e poi al Real Madrid. È stato un apripista nel mondo della pallacanestro, sia dentro che fuori dal parquet. Uno dei primi non-americani a far capire al mondo che di giocatori di livello NBA ne nascevano molti anche al di fuori dei confini degli Stati Uniti. Se la Lega è diventata così globale e inclusiva è merito anche dei suoi canestri, delle sue prestazioni da funambolo e del suo letale tiro da tre punti - un altro aspetto di contemporaneità del suo gioco. A differenza di molti dei suoi compagni dell’epoca infatti, Petrovic sarebbe ancora oggi attuale con una palla a spicchi tra le mani: una guardia tecnica di quasi due metri, in grado di garantire un’alternativa nella costruzione del gioco al playmaker (esiste ancora?) e soprattutto letale con i piedi oltre l’arco. Nella pallacanestro degli Steph Curry e dei Damian Lillard, lui sarebbe stato il perfetto alter ego europeo (un po’ come Luka Doncic, provenienti entrambi dal Real Madrid e di origine balcanica). Negli suoi ultimi due anni in NBA prima dell’incidente, Petrovic ha concluso con oltre il 44% complessivo dalla lunga distanza: numeri che farebbero gola a qualsiasi franchigia NBA, anche nel 2019. Anche nel giorno di quello che sarebbe stato il suo 55° compleanno. 

I più letti