Please select your default edition
Your default site has been set for 7 days

NBA, LeBron re degli assist: i Lakers funzionano con James da playmaker

NBA
©Getty

Il n°23 gialloviola è il migliore nella Lega per passaggi vincenti in questo avvio di stagione (oltre 11 a gara): una partenza da record - personale e di squadra - che ha portato i Lakers in vetta alla Western Conference

Sette secondi di partita e già il primo assist a referto. Ci ha messo poco James a ingranare anche contro Golden State, lanciando JaVale McGee al ferro con un lob pochi istanti dopo la palla a due che ha aperto la sfida. Un’attitudine sempre più marcata in questa regular season, iniziata da LeBron spesso e volentieri con la palla in mano in un quintetto senza una point guard di ruolo: “Giocare con lui è semplice: è sempre al centro dell’attenzione e a noi tocca approfittare di quello spazio”, sottolinea Kyle Kuzma, uno dei tanti beneficiari delle giocate del n°23 gialloviola. A fare la differenza in questo inizio stagione infatti è la predisposizione dei compagni a massimizzare le sue visioni: contro Golden State, ben 12 dei 13 passaggi di James che hanno portato a un tiro sono poi sbucati pochi istanti dopo dal fondo della retina. Tolto l’errore di Caldwell-Pope infatti, Kuzma ha chiuso con 4/4 quando il pallone è partito dalle mani di LeBron, McGee con 3/3, Dudley 2/2 e Bradley, Green e Howard hanno risposto presente nell’unica occasione in cui sono stati interpellati. Il sogno di LeBron, in una partita in cui ha dovuto fare a meno di Anthony Davis (che in stagione ha già approfittato di 29 assist arrivati da James, quello che ne ha ricevuti di più in casa Lakers): lui che detta i tempi e gli altri che si fanno sempre trovare pronti.

Numeri mai visti prima: nessuno come James dopo 17 anni in NBA

James è il migliore in tutta la NBA per assist a partita in questo primo mese scarso di stagione (11.1 a gara), capace di metterne a referto almeno dieci in otto delle prime 11 gare di regular season. “Non so se riuscirò a mantenere questo ritmo e medie così alte, non è mai stato un mio obiettivo personale… Gli assist sono sempre stati un aspetto speciale del gioco, qualcosa che mi permette di essere a disposizione dei miei compagni. Questo è ciò che conta di più”. A impressionare in realtà è la sua capacità di continuare a controllare la gara a proprio piacimento nonostante l’età che avanza (e i 35 anni ormai alle porte): il record NBA per assist nella 17^ stagione nella Lega appartiene a John Stockton - difficile sbagliarsi - che ne mise a referto 8.7 di media nel 2001/01. “LeBron non sbaglia mai un colpo, una scelta, una valutazione: è il miglior passatore che abbia mai allenato, non è una questione di ruoli”, sottolinea coach Vogel, felice di aver affidato nelle mani del n°23 le chiavi del quintetto Lakers.

I più letti