Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Spencer Dinwiddie su Twitter rivela la data del possibile ritorno in campo

RITORNO IN CAMPO
©Getty

La guardia dei Brooklyn Nets ha rivelato che, secondo quanto gli è stato detto, le partite dovrebbero riprendere il 15 luglio disputando cinque gare di regular season prima di passare ai playoff. Una tempistica che trova conferme anche da vari giornalisti, anche se l’annuncio di Adam Silver non arriverà prima di giugno

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

In questo periodo di sospensione della regular season, pochi giocatori sono stati più attivi di Spencer Dinwiddie. Tra il piano per rilanciare i Chicago Bulls, il passaporto nigeriano per giocare alle Olimpiadi e il tentativo (naufragato in fretta) di una raccolta fondi in bitcoin per il suo prossimo contratto, la guardia dei Brooklyn Nets si è certamente tenuta impegnata, specialmente sui social. E proprio su Twitter Dinwiddie ha “spoilerato” la possibile data del ritorno in campo della NBA. Riprendendo un tweet del designer di scarpe John Geiger, il quale sosteneva che il 21 giugno la lega sarebbe ricominciata, Dinwiddie ha scritto: “Quella data è solo per gli allenamenti… Quello che ho sentito io è che le 5 partite mancanti sul calendario nella ‘bolla’ cominceranno il 15 luglio”. Ovviamente si tratta solo di una voce che deve essere arrivata a Dinwiddie, anche se a confermare quelle tempistiche è stato anche il giornalista Marc Stein del New York Times, che ha scritto: “Molti in giro per la lega stanno parlando più o meno delle stesse tempistiche di questo tweet. Gli allenamenti comincerebbero a un mese da oggi e le partite attorno al 15 luglio”. Lo stesso ha scritto anche Keith Smith di Yahoo Sports, il primo a parlare della possibilità che si giocasse a Disney World (avendo lavorato lì in passato e vivendo a Orlando): “Un’idea di calendario che mi è stato detto da un dirigente è il seguente. Inizio giugno: ritorno ai campi di allenamento; metà giugno: training camp; inizio luglio: viaggi verso la bolla; metà luglio: iniziano le partite; primo weekend di settembre (il Labor Day): fine della stagione; metà settembre: Draft; una settimana dopo: Free agency; Natale: inizio stagione 2020-21”. La situazione è ovviamente ancora fluida e molto può cambiare nelle prossime settimane, quando Adam Silver è atteso a prendere una decisione definitiva sul ritorno in campo. Ma nel frattempo tutti gli indizi sembrano andare verso la direzione di un’estate piena di pallacanestro NBA.

NBA: SCELTI PER TE