Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, subito Jazz vs. Pelicans al via. E Josh Hart "minaccia" Donovan Mitchell su Twitter

NBA
©Getty

Divertente tweet della guardia dei Pelicans che tornerà in campo il 30 luglio nel New Orleans-Utah che segna la ripresa del campionato: memore dell'ultima sfida giocata contro Donovan Mitchell - con 46 punti della scatenata guardia dei Jazz - Hart promette un trattamento "molto fisico" al suo amico e avversario

“Ripartenza col botto: derby di L.A. e Zion Williamson in campo”: è stato forse il commento più gettonato all’annuncio del nuovo calendario NBA, quello della ripresa del campionato a partire dal 30 luglio nella bolla di Orlando. Con due partite, in effetti: la sfida Lakers vs. Clippers e quella tra New Orleans Pelicans e Utah Jazz. Per la maggior parte degli osservatori quest’ultima è un’ottima chance per gustarsi la primissima scelta all’ultimo Draft di nuovo in campo, ma per Josh Hart — suo compagno di Pelicans — quella prima sfida contro i Jazz ha tutt’altro significato. Un significato che lo stesso Hart ha scherzosamente condiviso su Twitter, nel rispondere al post (“Let’s go”) di un Donovan Mitchell evidentemente prontissimo a scendere in campo. “Hey Don, vedo che giochiamo uno contro l’altro. Se provi ancora a segnare 50 punti sarò costretto a mandarti per terra con le cattive”. Hart ha una buona memoria, perché l’ultima volta che New Orleans e Utah si sono incontrate (il 16 gennaio scorso) la squadra di Donovan Mitchell era caldissima, reduce da 10 vittorie in fila. I Jazz non perdevano da appena prima di Natale, ma i Pelicans quella gara sembravano averla già vinta col canestro del 122-121 a due decimi di secondo dalla conclusione segnato da Brandon Ingram. Nella disperata ultima rimessa dei Jazz, però, gli arbitri pescano un fallo su Rudy Gobert, che in lunetta fa 1/2 e manda la partita in overtime. Nel prolungamento è Utah che sembra averla vinta (+5 a 2’28” dalla fine) ma da lì in poi l’attacco di coach Snyder si inceppa, compreso un Mitchell fino a quel momento letteralmente spaziale. Il n°45 dei Jazz chiuse la gara con 16/34 al tiro, 7 triple a bersaglio e la bellezza di 46 punti. Poco graditi a Josh Hart, evidentemente, a lungo inutilmente sulle sue tracce. Quello che Hart però si dimentica di dire è che Mitchell non fu neppure il miglior marcatore dell’incontro, onore andato a un Brandon Ingram da 49 punti. E ora, appena ricomincia la NBA, è subito tempo di rivincita.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche