Please select your default edition
Your default site has been set

La NFL suona “l’inno” afroamericano, Steph Curry attacca: “Che senso ha?”

social
©Getty

La decisione da parte della lega professionistica di football americano di suonare anche la canzone “Lift Every Voice and Sing” prima delle gare ha fatto discutere molti e infastidito il n°30 Warriors: “Che cosa risolve questa scelta?”

Non tutte le iniziative vengono accolte con lo stesso entusiasmo, o almeno così è accaduto National Football League americana che ha annunciato un’importante novità per mostrare vicinanza alle istanze portate avanti dalla comunità afroamericana degli USA. Durante la prima settimana di gare, prima dell’inno americano verrà suonata anche “Lift Every Voice and Sing” - un canto popolare da sempre associato alle battaglie per i diritti civili dei neri negli Stati Uniti, tanto da essere ribattezzato “Black National Anthem”. L’inno degli afroamericani, una decisione con la quale la NFL spera di riavvicinarsi alle istanze portate avanti ormai da settimane negli Stati Uniti a seguito della tragica uccisione di George Floyd a Minneapolis. Un modo per lavarsi la coscienza secondo alcuni, una decisione che non ha convinto ad esempio Steph Curry - come sottolineato via social dal n°30 di Golden State. In risposta a uno stato che annunciava questa novità, Curry ha risposto: “Qualcuno può spiegarmi come questa scelta dovrebbe risolvere le cose?”. Il riferimento fatto dal due volte MVP NBA è chiaro: la NFL infatti ha una storia fatta di costrizioni e subalternità imposta agli atleti di colore, con Colin Kaepernick che è stato soltanto l’ultimo giocatore a pagarne le conseguenze. Nonostante quindi le azioni compiute nelle ultime settimane da parte di una delle principali leghe sportive statunitensi - come la scelta di donare 250 milioni di dollari per combattere le disparità di trattamento per ragioni razziali - l’idea di Curry non cambia: non basta aggiungere una canzone per qualche giorno durante il pre-partita per modificare la sostanza dei fatti. La NFL secondo il campione degli Warriors dovrà dimostrare in ben altro modo di essere cambiata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche