Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James cambia: "No all'auto-oscuramento sui social in questi playoff"

NBA
©Getty

La modalità con cui, all'arrivo dei playoff, si ritirava dai social e "spegneva" temporaneamente i canali con cui interagisce quotidianamente con decine di milioni di tifosi aveva un nome: "Zero Dark Thirty-23".  "Ma quest'anno non posso permettermelo: i social mi servono per restare in contatto ogni giorno con la mia famiglia", spiega la superstar gialloviola

Il nome da lui coniato — adattandolo dal film di Kathryn Bigelow sull’uccisione di Osama Bin Laden — era diventato ormai leggendario: “Zero Dark Thirty-23”. Così LeBron James negli ultimi anni ha sempre etichettato la sua decisione di “spegnere” i suoi canali social durante i playoff per concentrarsi al 100% sul campo e sulla sua missione sportiva, senza distrazioni. Non quest’anno però. “Non posso permettermelo — ha spiegato — perché mi consentiranno di restare in contatto con la mia famiglia su base quotidiana”, ha spiegato il n°23 dei Lakers dalla bolla di Orlando. “Specialmente con tutto quello che è successo nel 2020, non posso perdere contatto con mia madre e con i miei cari”. La motivazione può anche essere legata al ruolo sempre più prominente di James come leader nel dibattito sulle tematiche sociali e razziali che vede coinvolti molti giocatori NBA: 13 degli ultimi 27 post pubblicati dal n°23 dei Lakers su Instagram (che raggiungono quasi 70 milioni di follower) hanno avuto per oggetto temi di giustizia sociale. A sentire lui, però, è più il LeBron figlio/marito/padre che quello attivista a dettare la decisione di non interrompere la sua presenza sui social a partire dal prossimo 17 agosto: “Leadership e altri tipi comunicazione possono essere portati avanti anche attraverso i social, e ho sempre avuto grande controllo su queste aree — ha spiegato — ma quello che non si può replicare, neppure con i social, è la presenza fisica e il tempo passato assieme in famiglia, coi tuoi figli, giocando ai videogame o allenandoti con loro. Questo non può essere replicato, e io per i prossimi mesi non ci sarò, non sarò a casa con loro”.

Un grazie alla moglie e uno a Steve Jobs

Certo, “gli smartphone aiutano a restare connessi”, ammette LeBron, “e per questo voglio ringraziare Steve Jobs e quelli alla Apple per aver inventato FaceTime, strumento fantastico”. Ma il grazie più grande va alla moglie, “Savannah, l’autentica roccia attorno alla quale è ancorata la nostra vita familiare. Lei è la migliore a occuparsi dei ragazzi e a gestire la vita in casa, per questo non sono assolutamente preoccupato. Anche così, però — conclude James — ti rimane addosso quella sensazione che ti stai perdendo qualcosa, il tempo trascorso con le persone a cui vuoi bene, coi tuoi figli”. A cui magari, anche per questo, LeBron James vuole portare a casa come regalo un altro anello NBA.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche