Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, dominio Utah Jazz, Denver Nuggets distrutti: è 2-1 nella serie

GARA-3
©Getty

I Jazz dominano i Nuggets fin da inizio partita con una prestazione perfetta sui due lati del campo vincendo 124-87, spinti dai 27 del rientrante Mike Conley e i 24+14 di Rudy Gobert. Sprofondano i Nuggets che hanno pochissimo anche dagli unici due giocatori in doppia cifra, Jokic con 15 punti e Murray con 12 (ma con 11/29 combinato al tiro)

Dimenticatevi l’equilibrio e lo spettacolo di gara-1. Il terzo episodio della serie tra Utah Jazz e Denver Nuggets è una copia ancora più sbilanciata di quanto visto in gara-2, con i Jazz in totale controllo della partita e dell’inerzia della serie. Il rientro di Mike Conley mette un’ulteriore marcia alla squadra di coach Quin Snyder, che cavalca la sua carica dopo la nascita del figlio e la sua eccellente mira dalla lunga distanza, con un 7/8 da tre in stile Fred VanVleet 2019 per 27 punti finali. Ancora più dominante è Rudy Gobert, che stravince lo scontro con Nikola Jokic chiudendo con 24 punti, 14 rimbalzi e 11/15 dal campo. L’attacco dei Jazz gira talmente bene che a Donovan Mitchell bastano 13 tiri per segnare 20 punti, mettendo il punto esclamativo alla partita con la rubata e la schiacciata del +30 verso la fine del terzo quarto. Ottimi anche i 16 punti di George Niang dalla panchina, mentre Joe Ingles fa felici tutti con 8 assist. È notte fonda invece per i Nuggets, incapaci di reagire né in attacco né in difesa: Nikola Jokic con 15 punti e Jamal Murray con 12 sono gli unici in doppia cifra, ma anche loro hanno bisogno di 29 tiri (segnandone 11) per raggiungerla — e certamente la loro prestazione non è sufficiente, così come quella di tutta Denver. Servirà davvero molto lavoro per ribaltare una sfida che appare totalmente in mano dei Jazz, che con qualche episodio fortunato in più in gara-1 sarebbero ora sul 3-0 in una serie che, sulla carta, doveva essere tra le più equilibrate di tutto il primo turno. Fino a ora il campo ha raccontato una storia decisamente diversa.

Il racconto del primo tempo

Jamal Murray dà subito il benvenuto nella serie al rientrante Mike Conley segnando 5 punti in fila, ma i Nuggets si disuniscono in fretta in difesa e Joe Ingles può alzare due alley-oop a Donovan Mitchell e Rudy Gobert che valgono l’11-5. L'entrata di Jerami Grant stabilizza un po' la difesa dei Nuggets ma l'attacco immediatamente soffre, anche se i Jazz non ne approfittano complice l'1/6 dalla lunga distanza. Denver non trova mai fluidità nella metà campo offensiva (6 canestri e 7 palle perse) e viene addirittura doppiata sul 24-12 complice un grande Gobert (12+8 nel solo primo quarto), prima di andare alla prima pausa lunga sul 25-14.

 

I Nuggets non cambiano marcia nel secondo quarto, anzi semmai ne perdono ancora con Jokic e Murray entrambi in panchina: i Jazz ne approfittano e con due triple di Conley piazzano un parziale di 9-2 che costringe un disperato coach Malone al timeout. Non appena rientra Jokic, coach Snyder risponde reinserendo Gobert e il francese risponde presente segnando subito sei punti in fila, spingendo il vantaggio dei suoi fino al +22. Neanche il rientro dei titolari dei Nuggets cambia la sostanza della partita, con i Jazz che viaggiano sul velluto e sul +25 costringono Denver al terzo timeout del quarto. Due triple in fila di Murray e Millsap ricuciono un po' lo strappo, ma una super tripla di Conley manda i Jazz avanti all'intervallo sul 59-42.

Il racconto del secondo tempo

Denver lascia seduto Porter Jr. a inizio terzo quarto e prova a rimettere in piedi la partita, ma Conley è incandescente e sale a 6/6 da tre punti, spingendo di nuovo il vantaggio dei suoi sopra le 20 lunghezze con un gioco da quattro punti. I Nuggets provano a cambiare le carte in tavola grazie all'atletismo di Jerami Grant, l'unico con un minimo di energia ed impegno difensivo, ma è anche l'attacco degli uomini di coach Malone a non funzionare, senza mai mettere piede in area. La rubata difensiva e la schiacciata di pura energia di Donovan Mitchell valgono il +30 per i Jazz e chiudono di fatto la partita prima ancora del termine del terzo quarto. La partita di fatto non c'è più: i Jazz dominano in lungo e in largo e devono giusto far passare il tempo attendendo la sirena finale, con gli ultimi minuti di garbage time che sono di proprietà di Bol Bol.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche