Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron e la difesa decisiva su Murray nel finale: "Ho detto ai miei: lo prendo io"

NBA
©Getty

L'esplosiva guardia di Denver chiude con 32 punti ma segna solo 4 volte dalla lunetta negli ultimi sei minuti di gara, quando il n°23 dei Lakers decide di occuparsi in prima persona della sua marcatura. Tenendolo a 0/3 dal campo e riuscendo a stoppare/sporcargli due conclusioni decisive

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

“È il momento in cui si decidono le partite. Vuole marcare Murray, e non vuole che sia nessun altro a farlo”. Così in telecronaca Chris Webber sceglie di descrivere la scelta dei Lakers di mandare LeBron James in missione speciale su Jamal Murray negli ultimi minuti di gara-4, una scelta che lo stesso “King” James commenta nel post-partita: “L’ho visto decidere le partite in quei minuti già tante volte, il ragazzo è davvero speciale. In attacco è quello che si dice una tripla minaccia: può farti male da tre, dal mid-range o anche al ferro. Io ho fiducia nella mia difesa, nelle ore trascorse a studiare i video dei miei avversari e nei miei compagni — per cui alla fine ho fiducia anche nelle conseguenze. Ho detto ai miei compagni che l’avrei marcato io e che loro potevano evitare di venire a raddoppiarlo, occupandosi invece ciascuno del proprio uomo. Sono riuscito a fermarlo in un paio di occasioni e a catturare i rimbalzi sui suoi errori, che è la cosa più importante”.

leggi anche

I Lakers vincono ancora: 3-1 nella serie su Denver

La giocata simbolo dell’impegno difensivo del n°23 dei Lakers arriva con tre minuti ancora da giocare prima della sirena finale e L.A. davanti di 3 punti, 105-102. Murray attacca LeBron in penetrazione ma James difende bene, lo accompagna al ferro e lo stoppa (con la mano destra, quella di richiamo), una stoppata che permette a Rondo di correre in campo aperto, fermarsi alla lunetta e mettere il jumper del +5. Murray — 32 punti alla fine per lui — segna i punti 27 e 28 della sua gara-4 con 6:27 da giocare: il resto della sua produzione offensiva arriva solo dalla lunetta (4/4), riuscendosi a prendere soltanto tre tiri dal campo, tutti sbagliati e due stoppati/sporcati proprio da LeBron James. Che in una partita da 26 punti, 9 rimbalzi e 8 assist insegna — a 35 anni — che due scivolamenti difensivi e due mezze stoppate (nessuna così netta da finire nel boxscore) per contenere la stella avversaria valgono più di qualsiasi altra cosa per vincere una partita decisiva di playoff.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche