Please select your default edition
Your default site has been set

Finali NBA, Spoelstra duro contro le critiche in gara-2: “Non me ne frega un c***o”

le parole
©Getty

L’allenatore degli Heat, alla quinta avventura in carriera alle finali NBA, conosce bene la pressione a cui una squadra e un gruppo di giocatori può essere sottoposto su un palcoscenico così importante: “Cosa ci vorrà per cambiare rotta? Tutto il necessario. Se lo vogliamo, possiamo invertire la tendenza”

TUTTE LE NBA FINALS SONO IN DIRETTA SU SKY SPORT

Alle volte c’è bisogno di ricorrere al dono della sintesi, anche attingendo a un linguaggio più volgare e diretto per rendere l’idea. Diventa necessario quando la tua squadra si trova sotto 2-0 ai playoff contro LeBron James (nei 23 precedenti, il n°23 dei Lakers ha poi sempre vinto la serie) e più in generale di fronte a una corazzata come quella gialloviola - che alle finali NBA non spreca un vantaggio del genere dal lontano 1969. Gli Heat, nonostante le assenze, devono trovare un modo per vincere, e soprattutto non vogliono sentir parlare delle probabilità di successo che al momento sono profondamente avverse. Un discorso che indispettisce coach Spoelstra: “Non ce ne frega un c***o di ciò che gli altri pensano. Cosa ci vorrà per cambiare rotta? Tutto il necessario, risposta semplice. Se vuoi qualcosa più del tuo avversario, riesci a ottenerla. Questo gruppo di giocatori è testardo, persistente, troveremo il modo di superare anche questo avversario”.

vedi anche

Lakers troppo forti: Miami ko anche in gara-2

Se si tratterà di combattere, Miami potrà sicuramente contare sul contributo di Jimmy Butler - in campo per 45 dei 48 minuti totali in gara-2 e protagonista con i suoi 25 punti e 13 assist, che hanno portato nel complesso ben 57 punti alla squadra della Florida; il massimo mai messo insieme in carriera ai playoff: “Non stiamo di certo bandiera bianca, continueremo a lottare e a cercare di portare avanti il nostro piano partita - fino a quando il discorso non sarà chiuso. Siamo sotto 0-2, sappiamo di dover inventare qualcosa di speciale per invertire la tendenza. Siamo in grado di farlo. Non vorrei essere in trincea a combattere con nessun altro, se non con i compagni che ho la fortuna di avere al mio fianco”. Il problema è che battere LeBron James e i suoi Lakers è davvero l’ostacolo più complicato che potesse capitare lungo il percorso degli Heat: “Crediamo uno nell’altro, giocheremo ai limiti della perfezione per provare a batterli. Stiamo già provando a farlo. Se il risultato non dovesse arrivare in poco tempo, le cose non andranno per il verso giusto”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche