Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Joel Embiid fa pace con l’assistente che lo aveva criticato

PAROLE
©Getty

Il nuovo assistente allenatore di Philadelphia Dan Burke ai tempi degli Indiana Pacers aveva duramente criticato Joel Embiid, accusandolo di essere uno che simula in campo. Il centro camerunense però non ha nessun problema

A meno che non siano stati grandi giocatori o ex capo-allenatori in passato, è difficile che un assistente allenatore faccia notizia. Lo scorso anno però a Philadelphia non sono passate inosservate le parole di Dan Burke, al tempo assistente allenatore di Indiana, che parlando di una sfida persa con i Sixers a una tv locale dei Pacers disse: “Odio quella squadra, Embiid se la cava sempre con un mucchio di stron…e che la lega ignora e sarebbe meglio che la smettessero”. Parole che gli valsero una “calorosa” accoglienza a suon di fischi al suo primo ritorno al Wells Fargo Center, ma che sono riemerse dopo l’annuncio del suo passaggio nello staff tecnico di Doc Rivers, diventando quindi allenatore dello stesso Embiid. Il quale, però, non ha nessun problema con Burke — anzi, è uno di quelli con cui ha legato di più. “È facile dire certe cose quando giochi contro qualcuno” ha detto l’All-Star sorridendo. “Sono sicuro che a nessuno piace giocare contro di me, perché o segno oppure subisco fallo. Conoscono le regole e cerco di sfruttarle a mio vantaggio, basando il mio gioco su di esse. Ma ora che siamo nella stessa squadra, sono sicuro che si divertirà ad avermi”. 

Embiid: "Voglio vincere il premio di Difensore dell’Anno"

approfondimento

I 100 migliori giocatori NBA secondo ESPN

Burke è noto soprattutto per essere un assistente dall’impronta difensiva, responsabilità che gli è stata affidata anche da Rivers. E a Embiid ha già chiesto di uscire maggiormente sui pick and roll, difendendo in maniera più aggressiva sul portatore di palla: “Tra noi va benissimo, anzi siamo particolarmente vicini da quando è arrivato qui. Lui e tutto lo staff guardano a me per essere la forza trascinante nella metà campo difensiva, con l’obiettivo di vincere il premio di Difensore dell’Anno. Negli ultimi anni quando sono stato in campo abbiamo quasi sempre avuto la miglior difesa della lega: bisogna mantenere sempre quel tipo di energia”.