Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Marcus Smart attacca: "Embiid simula". La risposta: "Parla lui?"

POLEMICA

Dopo i 21 tiri liberi tentati da Joel Embiid, Marcus Smart ha detto che "è difficile vincere quando difendi con le mani alte ma va comunque in lunetta a ogni azione perché simula". La risposta del centro non si è fatta attendere: "Lui ha detto che io simulo? Sappiamo tutti che è lui quello famoso per farlo"

Joel Embiid ha cominciato questa stagione come meglio non si potrebbe, e lo ha dimostrato una volta di più rifilando 42 punti ai Boston Celtics con una prestazione sensazionale. C’è un avversario però che non ha apprezzato particolarmente il 17/21 ai liberi con cui Embiid ha superato tutti i biancoverdi messi assieme (13/20): “Non si può battere una statistica del genere, è proprio dura vincere” ha detto Marcus Smart. “È particolarmente dura perché anche quando difendi contro di lui con le mani alte, lui simula e si prende il fischio. Poi dall’altra parte ci sono giocatori che attaccano il ferro, subiscono contatti e non gli viene fischiato niente. Se fossi in lui, lo farei anche io: voglio dire, se ogni volta che alzo le braccia o vengo toccato vado in lunetta, è difficile anche non entrare in ritmo in quella maniera”.

La risposta di Embiid: "Lui parla? Io non simulo, uso il mio IQ"

approfondimento

Sixers in vetta, Rivers: “Noi abbiamo Joel Embiid”

Quando gli sono state riferite le parole del suo avversario, Embiid non si è certo tirato indietro dal rispondergli: “Marcus Smart ha detto che io simulo? Dai, siamo seri. Sono sicuro che sa anche lui chi è quello che simula tanto tra noi due. E non penso di essere io a farlo. Voglio dire, se guardate le partite, ogni singolo fallo c’era. Anzi, a volte non me li fischiano neanche tutti. Il gioco è fisico e le altre squadre tendono a essere più che fisiche con me. Immagino di essere più intelligente degli altri perché lo sfrutto a mio vantaggio. Potete chiamarla intelligenza cestistica: se metti la tua mano lì, io la sfrutto per andare in lunetta, perché so di essere un grande tiratore di liberi e che questo dà alla mia squadra una migliore possibilità di vincere”. 

Le parole di Stevens e Harris su Embiid

approfondimento

I Big Three perdono la prima, Embiid batte Boston

Coach Brad Stevens, dal canto suo, ha evitato le polemiche del suo giocatore sottolineando invece i demeriti dei suoi: “Dobbiamo fare un lavoro migliore per difendere senza fare fallo. Sappiamo che è in grado di fare i suoi punti, ma 42 sono troppi. È dura vincere una partita quando il migliore degli avversari ne segna 42. Embiid è stato molto bravo non solo a segnare, ma anche a gestire i raddoppi bene in un paio di occasioni che hanno portato a delle triple. Ha avuto un impatto enorme sulla partita ed è stato eccellente”. Al di là delle polemiche, Embiid sta effettivamente giocando da MVP e trascinando Philadelphia, che con lui ha un record di 10 vittorie e due sconfitte. “Non sta giocando come un MVP, è l’MVP” ha detto Tobias Harris, autore di 22 punti. “Sera dopo sera controlla la partita e il pitturato. Sta facendo una stagione da MVP, ma la cosa più importante è farlo con continuità. Sono contento per lui perché ha lavorato davvero tanto, e quando vinci come squadra ricevi anche quel tipo di attenzioni”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.