Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Houston prende Kevin Porter Jr. dai Cleveland Cavaliers

MERCATO NBA
©Getty

Gli Houston Rockets hanno scambiato una seconda scelta protetta-55 ai Cleveland Cavaliers per prendere Kevin Porter Jr., provando a scommettere sul suo talento e risolvere i suoi problemi personali. Cleveland aveva deciso di cederlo o tagliarlo dopo un durissimo scontro con la dirigenza per aver spostato il suo posto in spogliatoio

La telenovela legata a Kevin Porter Jr. ha raggiunto la sua conclusione. Come riportato da diversi media americani, i Cleveland Cavaliers hanno ceduto la guardia agli Houston Rockets in cambio di una seconda scelta futura protetta-55, quindi sostanzialmente per il minimo indispensabile per far funzionare uno scambio secondo le regole NBA. Di fatto i Cavs hanno scaricato Porter, con il quale il rapporto non era più salvabile dopo il durissimo scontro avuto con la dirigenza pochi giorni fa, nel quale sono volate parole grosse e anche del cibo lanciato dal giocatore. Porter, dopo una buona stagione da rookie con 10 punti di media, non è ancora sceso in campo in questa stagione per motivi personali, dopo essere stato arrestato lo scorso novembre a seguito di un incidente stradale (per il quale non era stato incriminato) in cui era stato trovato in possesso di marijuana e un'arma da fuoco. I Cavaliers avevano preparato per lui un piano di rientro e venerdì scorso ha assistito per la prima volta a una partita dei suoi compagni, ma Porter ha dato in escandescenze quando il suo armadietto nello spogliatoio è stato dato al neo arrivato Taurean Prince, relegandolo a un posto insieme ai giovani che siedono sul fondo della panchina.

approfondimento

Voci di suicidio, Kevin Porter Jr. spaventa tutti

Per assorbire il contratto di Porter — la cui opzione da 2.1 milioni per il prossimo anno è già stata esercitata —, Houston ha dovuto tagliare l’infortunato Chris Clemons, creando un posto a roster per il giovane. Il piano dei texani è quello di affidarlo all’assistente allenatore John Lucas, che ha già aiutato numerosi giocatori NBA ed NFL a superare problemi personali e avere delle carriere di successo. Non che i Cavaliers non ci abbiano provato, come detto più volte sia da coach Bickerstaff che dalla dirigenza cercando di proteggerlo e di aiutarlo, ma l’ultimo incidente ha rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ora Porter - per il quale Cleveland aveva ceduto quattro seconde scelte al Draft e 5 milioni di dollari a Detroit - proverà a far ripartire la sua carriera a Houston, dove la ricostruzione della squadra è già cominciata e potrebbero esserci minuti a disposizione per lui.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.