Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LaMelo Ball rompe un record che durava da 60 anni (e rimane titolare a Charlotte)

HORNETS
©Getty

Il rookie delle meraviglie degli Charlotte Hornets è primo per punti, rimbalzi, assist e recuperi tra le matricole di questa stagione: negli ultimi 60 anni non c’era mai riuscito nessuno alla pausa per l’All-Star Game. E coach Borrego lo ha confermato in quintetto nonostante il rientro del titolare Devonte’ Graham

Tutti i dubbi che circondavano LaMelo Ball prima del Draft sembrano solo un lontano ricordo. Il rookie degli Charlotte Hornets ha vissuto un’eccellente prima metà di stagione, viaggiando a 16 punti, 6 rimbalzi e 6 assist di media con ottime percentuali al tiro e migliorando di partita in partita. Un rendimento che lo ha portato a rompere un record incredibile: è l’unico giocatore negli ultimi 60 anni ad essere arrivato alla pausa per l’All-Star Game al primo posto per punti, rimbalzi, assist e recuperi totali tra le matricole. E anche con un discreto margine: i suoi 553 punti superano i 536 di Anthony Edwards, prima scelta assoluta al Draft; i suoi 211 rimbalzi surclassano i 196 del lungo Isaiah Stewart di Detroit; con 211 assist è ben 60 sopra i 161 di Tyrese Haliburton; e anche con i recuperi è già a quota 57, contro i 42 dello stesso Haliburton dei Sacramento Kings. Un dominio pressoché totale tra i suoi compagni di classe del Draft che lo proietterà con ogni probabilità a una facile vittoria del premio di rookie dell’anno, a meno di un’improvvisa esplosione di un suo collega nella seconda metà di stagione. Ma il gap sembra incolmabile.

Borrego: "LaMelo resta titolare, il resto si vedrà"

approfondimento

Jordan elogia LaMelo: "Meglio delle aspettative"

E anche all’interno della sua squadra, ormai, non sembrano esserci più dubbi su chi sia il giocatore di riferimento. Dopo aver cominciato la stagione in panchina, LaMelo Ball è stato inserito in quintetto a partire dal mese di febbraio e non ne è più uscito, viaggiando a 20.7 punti, 6.2 rimbalzi e 6.7 assist di media in 34 minuti con un clamoroso 45% da tre punti su 6.5 tentativi a partita. Davanti a un rendimento del genere, è naturale che coach Borrego non abbia alcuna intenzione di toglierlo: “LaMelo continuerà a essere titolare, il resto lo valuteremo di volta in volta” ha detto commentando il rientro a disposizione del titolare di inizio stagione, Devonte’ Graham, che dovrebbe aver smaltito i problemi al ginocchio sinistro. “Siamo molto profondi, ma è un bel problema da avere” ha continuato Borrego. “Ho tanti quintetti da poter utilizzare: posso andare piccolo, posso mettere più attacco, posso avere più playmaking. Il ruolo di Graham sarà comunque significativo: ogni volta che è in campo succede qualcosa di buono”. Gli Hornets potrebbero anche continuare a sperimentare il quintetto con Graham, Terry Rozier e Ball tutti assieme: in 102 minuti giocati in questa stagione, il loro differenziale su 100 possessi è di +21, decisamente incoraggiante. “È meglio di quanto mi aspettassi, sono tre dei nostri migliori giocatori. Devo trovare il modo di farli coesistere difensivamente, ma sono un gruppo dinamico”. Un gruppo a cui si può aggiungere anche il ritrovato Malik Monk di questa stagione, aggiungendo profondità a una squadra che nei prossimi 67 giorni scenderà in campo ben 37 volte.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche