Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Steve Kerr chiarisce le sue frasi su Kevin Durant: "Estrapolate dal loro contesto"

PAROLE
©Getty

L’allenatore dei Golden State Warriors in un podcast aveva detto che lo scorso anno estremamente perdente è stato più divertente da allenare rispetto alla stagione 2018-19 al termine di un quinquennio logorante. Alcuni ci hanno visto una frecciata a Kevin Durant (che ha risposto su Twitter), ma il coach ha specificato cosa intendeva prendendosela con un giornalista: “Sono arrabbiato, le mie frasi sono state prese fuori contesto”

Steve Kerr non è mai stato quel tipo di allenatore burbero e chiuso che meno parla con i media e più è contento. Anzi, lo ha detto lui stesso: “Cerco di essere il più aperto possibile, perché raccontare la nostra storia è una grossa parte della promozione della nostra squadra”. Per questo spesso da quando siede sulla panchina dei Golden State Warriors ha raccontato quello che è successo, riflettendo sul passato di una squadra che ha raggiunto cinque finali consecutive tra il 2015 e il 2019 vincendo tre titoli. Ed è proprio parlando di quel periodo così vincente ma anche così stressante a livello di aspettative, personalità e fatica mentale che ha dichiarato come la passata stagione da 15 vittorie e 50 sconfitte sia stata più divertente da allenare rispetto al 2018-19 concluso in finale coi Toronto Raptors: “L’ultimo di quei cinque anni è stato duro. Sono successe tante cose, alcune delle quali le sapete e altre no. Per quello è stato molto difficile” ha detto nel podcast di Logan Murdock. Un giornalista, Drew Shiller, ha però preso quel virgolettato e lo ha riportato su Twitter sottolineando come quella stagione 2018-19 sia stata l’ultima di Kevin Durant con gli Warriors, come a sottolineare che il problema fosse KD e tutte le speculazioni sul suo futuro. E visto che nulla sfugge all’occhio da Sauron di Durant su Twitter, la risposta è arrivata immediata: This is hilarious”, questo fa molto ridere. Ma coach Kerr non ha riso per niente.

Prima di cominciare la sua conferenza stampa, infatti, Kerr ha voluto specificare la sua posizione: “Sono stato ospite del podcast e le mie parole sono state totalmente estrapolate dal contesto. Metterle in un tweet e mandarlo fuori nell’universo è stato irresponsabile e pericoloso, sono molto arrabbiato” ha detto alla stampa nominando esplicitamente Shiller. “L’intero senso della conversazione era la differenza tra le pressioni di quel quinquennio e la differenza di allenare una squadra che vince poco ma è ansiosa di imparare. In quel senso è stato più divertente allenare lo scorso anno, ma finiva lì. Kevin Durant non c’entra assolutamente niente. Siamo grati per tutto quello che è successo qui negli anni, abbiamo avuto dei grandi momenti e Kevin è giustamente celebrato ogni volta che viene qui. Gli auguriamo solo il meglio come abbiamo fatto fin dall’inizio. È per questo che sono così arrabbiato, perché è tutta una grande stron…”.

 

Dal canto suo, il giornalista chiamato in causa si è scusato per aver utilizzato in quel modo le parole di Kerr e ha ripubblicato l’intero estratto della conversazione in maniera completa, sottolineando di essersi “meritato” di essere ripreso per nome in conferenza stampa e di essersi scusato con Kerr.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche