Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, l’impatto di Nicolò Melli sui Dallas Mavericks. VIDEO

NBA

Dopo il suo arrivo da New Orleans, Nicolò Melli sta riuscendo a ritagliarsi il suo spazio nei Dallas Mavericks, soprattutto per il grande impatto difensivo. A Basket Room Alessandro Mamoli e Matteo Soragna analizzano il suo impatto sulla squadra texana, fatto di piccole cose che fanno la differenza sia in attacco che in difesa

A guardare le cifre nude e crude, non sembra cambiato poi molto per Nicolò Melli. Dopo aver salutato i New Orleans Pelicans, nelle sette partite disputate finora con i Dallas Mavericks sta viaggiando a poco meno di 4 punti di media e non sta entusiasmando al tiro (41.7% dal campo e 33% da tre), con 3.3 rimbalzi a partita e poco meno di un assist. Poi però bisogna andare più in profondità e trovare una spiegazione alla decisione di coach Rick Carlisle di schierarlo tre volte in quintetto e dargli 17 minuti di media da quando lo ha avuto a disposizione. C’entrano i problemi fisici dei suoi compagni di reparto, da Kristaps Porzingis a Maxi Kleber, ma anche l’effetto positivo che l’azzurro ha sul parquet: con lui l’efficienza difensiva dei Mavericks è di 90.4 punti concessi su 100 possessi, un numero bassissimo, e il +13 di differenziale è il miglior dato di tutta la squadra, per quanto l’attacco sia estremamente sotto media.

approfondimento

Melli fa ricredere subito un giornalista di Dallas

Un dato che viene confermato anche dal sito Cleaning The Glass (che toglie dal conteggio i minuti di “garbage time” e considera solo i 117 competitivi disputati dall’azzurro finora): certo, il campione statistico è estremamente ridotto, il calendario non è stato impossibile (tolta un'ottima vittoria sui Jazz) e il suo impatto offensivo è quasi impalpabile (appena il 9% di Usage quando è in campo), ma rispetto a osservare dalla panchina senza mai avere una chance come troppo spesso gli è capitato a New Orleans nell’ultimo anno è tutta un’altra storia. Ed essere entrato da subito nelle “grazie” di Carlisle e soprattutto Luka Doncic — con cui l’intesa è stata naturale anche fuori dal campo, soprattutto sui social è un primo passo per togliersi qualche soddisfazione prima che il suo contratto scada e si ripresenti sul mercato dei free agent nella prossima estate. D’altronde, qualcuno ha già cambiato idea sulla sua presenza in squadra e non lo considera più semplicemente “uno buttato lì” a caso nello scambio per JJ Redick.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche