Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i Bucks offrono il vaccino ai tifosi. Adam Silver: "Vaccinato il 70% dei giocatori"

CORONAVIRUS

I Milwaukee Bucks, in collaborazione con il dipartimento di sanità locale, offriranno ai propri tifosi la prima dose del vaccino Pfizer per il COVID-19 in occasione del prossimo match contro i Brooklyn Nets. Nel frattempo il 70% dei giocatori NBA è stato vaccinato, secondo le parole del commissioner Adam Silver

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN DIRETTA

La campagna vaccinale negli Stati Uniti si avvia verso il 50% della popolazione complessiva con almeno una dose, ma anche la NBA vuole fare la sua parte. I primi a muoversi in questo senso sono i Milwaukee Bucks, che in occasione della sfida interna ai Brooklyn Nets prevista per domenica hanno annunciato, in collaborazione con il dipartimento di sanità locale, la possibilità per tutti i tifosi di età superiore ai 16 anni di ricevere la prima dose del vaccino Pfizer contro il COVID-19. Chi lo vorrà potrà vaccinarsi nel sito mobile allestito presso il Fiserv Forum, prendendo appuntamento per la seconda dose con gli operatori sanitari presenti. "Incoraggiamo fortemente tutti quanti a ricevere il vaccino" ha detto il presidente della squadra Peter Feigin. "Siamo contenti di collaborare con il dipartimento di sanità per dare ai tifosi un’opportunità semplice e comoda per vaccinarsi. È un momento critico per tutti noi e dobbiamo prendere i provvedimenti necessari per tornare alla normalità".

Silver: "Il 70% dei giocatori ha ricevuto almeno una dose"

Se poco a poco i tifosi stanno tornando a occupare i loro posti sugli spalti, anche all’interno delle squadre si sta cercando un ritorno alla normalità. Il commissioner Adam Silver, in un’intervista con TIME Magazine dopo che la NBA è stata inserita tra le 100 compagnie più influenti del mondo, ha rivelato che più del 70% dei giocatori NBA ha ricevuto almeno la prima dose del vaccino. Una notizia importante dopo che nel mese di febbraio sia un giocatore che un agente protetti dall’anonimato avevano espresso i loro dubbi sul fatto che la maggior parte dei giocatori volesse vaccinarsi durante la stagione. Dubbi evidentemente fugati dal commissioner della lega, che ha sottolineato come la vaccinazione — che non è stata imposta ai giocatori né alla loro unione — sia stata incoraggiata sia come esempio per la popolazione che con concessioni più ampie, come visite da familiari durante le trasferte o la possibilità di recarsi ai ristoranti aperti dalle regolamentazioni locali.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche