Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Cade Cunningham pronto al debutto: esordio contro gli Orlando Magic

LA PRIMA IN NBA
©Getty

La prima scelta assoluta all’ultimo Draft ha pienamente recuperato dal problema alla caviglia che lo ha tenuto fuori dallo scorso 1 ottobre: Cunningham potrebbe dunque essere in campo questa notte nella sfida contro i Magic, chiamato a dare un po’ di energia e morale a un gruppo come i Pistons partito con il piede sbagliato

Il suo nome non compare più nella lista degli infortunati dei Pistons e, a meno di due settimane dall’inizio della regular season, Cade Cunningham è pronto a fare il suo esordio in NBA nella sfida casalinga contro i Magic. Dopo aver saltato tutta la preseason e le prime quattro partite stagionali di Detroit a causa di un problema alla caviglia, la prima scelta assoluta al Draft 2021 vuole lasciarsi alle spalle il prima possibile l’infortunio subito in allenamento lo scorso 1 ottobre. Un fastidio definito di poco conto, ma che i Pistons hanno preferito trattare con grande attenzione, rimandando in un paio d’occasione il suo ritorno a disposizione di coach Casey. Una distorsione per la quale a Detroit non hanno comunicato ufficialmente una data di ritorno, ma stando a quanto confermato da James Edwards III di The Athletic la sfida contro Orlando di questa notte dovrebbe essere l’occasione giusta.

vedi anche

Cunningham è pronto: “Ha preso 5 chili di muscoli”

“Se smette di sentire dolore e i dottori danno il definitivo ok, potrà tornare in campo”, sottolinea l’allenatore dei Pistons. “Io sto aspettando che sia a disposizione, ma senza mettere fretta a nessuno”, chiosa, nonostante sulle spalle dell’esordiente siano già finite un bel po’ di aspettative. Detroit senza di lui infatti è partita con un pessimo 0-4 in stagione, colpa di uno dei peggiori attacchi dell’intera lega: la speranza è che grazie alle doti di passatore di Cunningham, la squadra del Michigan riesca a trovare il ritmo e la mira dall’arco (al momento 25.8% complessivo, la percentuale più bassa in NBA). “Spero soltanto che da domani non si inizi a pretendere da lui che le cose cambino immediatamente”, prova a cautelarsi Casey, ben consapevole che i riflettori saranno puntati da subito tutti su di lui.